Commercio al dettaglio in chiaroscuro a novembre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio al dettaglio in chiaroscuro a novembre

Calo congiunturale dello 0,2%, ma andamento positivo su base annua. Trainano soprattutto commercio elettronico e grande distribuzione

di Redazione

A novembre 2019, l’Istat stima, per le vendite al dettaglio, un calo congiunturale dello 0,2% in valore e dello 0,3% in volume. La diminuzione riguarda i beni non alimentari (-0,3% in valore e -0,4% in volume) mentre le vendite dei beni alimentari calano in volume (-0,2%) ma restano invariate in valore. Nel trimestre settembre-novembre 2019, rispetto al trimestre precedente, le vendite al dettaglio diminuiscono dello 0,1% sia in valore sia in volume. Sono in calo le vendite dei beni non alimentari (-0,1% in valore e -0,2% in volume) e le vendite in volume dei beni alimentari (-0,1%) mentre per quelle in valore non si registrano variazioni.

Su base tendenziale, aggiunge l’Istat, a novembre si registra una crescita complessiva dello 0,9% in valore e dello 0,7% in volume. Aumentano le vendite dei beni alimentari (+2,2% in valore e +1,4% in volume) mentre le vendite dei beni non alimentari sono stazionarie in valore e in lieve aumento in volume (+0,1%).

Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali eterogenee tra i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Prodotti di profumeria, cura della persona (+3,8%) e Mobili, articoli tessili, arredamento (+2,2%). Le flessioni più marcate si evidenziano, invece, per i Prodotti farmaceutici (-2,7%) e Foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (-1,2%).

Rispetto a novembre 2018, il valore delle vendite al dettaglio aumenta del 3,3% per la grande distribuzione e diminuisce dell’1,4% per le imprese operanti su piccole superfici. In aumento il commercio elettronico (+4,1%).

«A novembre 2019 – è il commento dell’Istat – prosegue la dinamica tendenziale positiva per il commercio al dettaglio, con il sesto mese consecutivo di crescita. L’andamento positivo, peraltro, è limitato al commercio elettronico e alla grande distribuzione, settori per i quali si amplia la divergenza rispetto alla distribuzione tradizionale; quest’ultima, infatti, contrariamente agli altri canali distributivi, continua a mostrare flessioni. L’incremento delle vendite on-line, più modesto rispetto a quanto registrato lo scorso anno, risente probabilmente della stabilizzazione delle vendite legate al cosidetto Black Friday, ormai divenuto un appuntamento fisso per il mese di novembre».

(fonte: Istat)

 

1 Commento per “Commercio al dettaglio in chiaroscuro a novembre”

  1. […] riflessi sulle dinamiche del PIL». E’ il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat. «La variazione registrata a novembre per il commercio elettronico  – continua la nota […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, si aggrava il bilancio: 106 i morti

Si aggrava il bilancio delle vittime provocate dal coronavirus. Infatti, ora i morti sono 106.…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo. Lo ha reso noto Palazzo Chigi. «Non vedo nessun nesso con l’azione dell’esecutivo, non…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso in Germania

Il ministero della salute della Germania ha reso noto che nello stato sudorientale della Baviera c’è un primo caso di coronavirus cinese. Il paziente è…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Ci sono timori su alcuni casi di gestione delle banche»

«La Bce mantiene stabili i requisiti e gli orientamenti di capitale complessivi in termini di capitale CET1 al 10,6% ma lancia l’allarme per alcuni casi di gestione e…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia