Le differenze territoriali e i divari che bloccano la crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le differenze territoriali e i divari che bloccano la crescita

Si allarga la forbice tra redditi alti e bassi in Italia, il dato peggiore tra i più popolosi paesi europei. E aumenta il divario Nord-Sud sotto il profilo occupazionale

di Redazione

Da luglio a settembre, ricordava soltanto pochi giorni fa l’Istat, il reddito disponibile delle famiglie è cresciuto dello 0,3%, in netto calo rispetto al trimestre precedente quando si era registrato un aumento dell’1%. Contestualmente, però, nello stesso periodo di riferimento la spesa è aumentata dello 0,4%. Ma la vera preoccupazione per l’Italia è il gap tra ricchi e poveri. L’ultima analisi dell’Eurostat sul tema fa emergere per il nostro paese un nuovo record negativo.

In Italia, infatti, i redditi più alti (che corrispondono al 20% della popolazione) superano di sei volte quelli più bassi e si tratta del risultato peggiore tra i maggiori paesi d’Europa. Nel 2018 il rapporto è aumentato passando dal 5,92 al 6,09, anche il livello maggiore di disuguaglianza fu osservato nel 2016 (6,27). Fatto che sta che Germania (5,07), Francia (4,23), Regno Unito (5,95) e Spagna 6,03) mettono in evidenza dati migliori dei nostri.

Il divario, poi, per ripartizione territoriale, si osserva ancora più accentuato in regioni come Sicilia e Campania (7,4). Mentre al contrario scende in Friuli Venezia Giulia (4,1), Veneto e Umbria (4,2), mentre il dato in Lombardia si attesta a 5,4, rapporti che mettono così in luce un altro divario, difficile da contrastare, quello tra Nord e Sud.

L’ultimo Rapporto Svimez, del resto, aveva evidenziato come, sotto il profilo occupazionale, il gap tra Sud e Centro-Nord sia ulteriormente cresciuto, considerando che «nell’ultimo decennio è aumentato dal 19,6% al 21,6%», in questo modo – era l’analisi – i posti di lavoro da creare per raggiungere i livelli del Centro-Nord sono pari a circa tre milioni.

Anche stando all’ultimo Rapporto Bes (Benessere equo e sostenibile) dell’Istat, nel Mezzogiorno – che pure mostra dei miglioramenti – permangono segnali di difficoltà legati prevalentemente all’intensità della ripresa economica (con particolare riferimento agli indicatori nei domini Benessere economico e Lavoro e conciliazione segnano variazioni negative) e alle tendenze della struttura produttiva (nel dominio Innovazione, ricerca e creatività dove peggiorano due indicatori su sei).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, deceduto anziano in Emilia-Romagna: adesso le vittime sono 12

Adesso sono 12 i morti causati dal nuovo coronavirus in Italia: l’ultima vittima è un uomo di 70 anni, cittadino lombardo, deceduto in Emilia-Romagna. Anche…

26 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Moody’s taglia le stime di crescita del Pil mondiale

Il Prodotto interno lordo globale «subirà un impatto di quasi un punto percentuale (annualizzato) nel primo trimestre, e rallenterà di 0,4 punti percentuali fino al…

26 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Dombrovskis: «Sui conti pubblici italiani saremo comprensivi»

Sui conti pubblici la Commissione europea potrebbe avere un occhio di riguardo per l’Italia, a causa del nuovo coronavirus. La rassicurazione è arrivata dal vicepresidente…

26 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, prosegue l’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo

Nonostante l’allarme coronavirus, il Giappone prosegue nell’organizzazione dei giochi olimpici di Tokyo, in programma dal 24 luglio al 9 agosto 2020. «Il nostro lavoro è…

26 Feb 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia