Quando i pensionati sono un “antidoto” alla povertà | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando i pensionati sono un “antidoto” alla povertà

Spiega l’Istat: «Per quasi 7 milioni e 400 mila famiglie i trasferimenti pensionistici rappresentano più dei tre quarti del reddito familiare disponibile». Ma il 36,3% riceve ogni mese meno di 1.000 euro

di Redazione

Il dato non è nuovo, anzi, ma ci aiuta a capire molto della situazione socioeconomica di un segmento importante della popolazione italiana. «Per quasi 7 milioni e 400 mila famiglie (il 61,7% di quelle con pensionati) i trasferimenti pensionistici rappresentano più dei tre quarti del reddito familiare disponibile. Nel 21,9% dei casi le prestazioni ai pensionati sono l’unica fonte monetaria di reddito (oltre 2 milioni e 600 mila di famiglie)», ricorda l’Istat nel report sulle condizioni di vita dei pensionati. Cosa vuol dire? Risponde ancora l’Istituto nazionale di statistica: «Il progressivo raggiungimento dell’età pensionabile da parte di generazioni che possono vantare carriere lavorative più lunghe e in posizioni professionali più elevate ha favorito la redistribuzione dei redditi a vantaggio dei pensionati, contribuendo a ridurre il rischio di povertà per alcuni segmenti di famiglie più vulnerabili».

Più di un terzo dei pensionati, si legge nel report dell’Istat, vive in coppia senza figli (35,5%) e il 27,4% vive da solo. È invece più contenuta la percentuale di pensionati che vivono in coppia con figli (18,8%) o in altra tipologia (9,5%), cioè in famiglie con membri isolati o composte da più nuclei, oppure in famiglie di genitori soli (8,8%). Rispetto al resto del paese, i pensionati del Nord vivono più spesso da soli (28,5%) o in coppia senza figli (40,7%), i pensionati del Mezzogiorno risiedono più frequentemente in coppia con figli (25,3%) mentre i pensionati del Centro si trovano più diffusamente in famiglie di altra tipologia (10,7%).

I titolari di pensioni di vecchiaia e anzianità vivono prevalentemente in famiglie di coppie senza figli (45%), i percettori di pensioni di reversibilità più spesso abitano soli (62,5%) o con i figli in qualità di unico genitore (21,8%), essendo rappresentati nella stragrande maggioranza dei casi da donne vedove. Nel 2017, si stima che in Italia quasi una famiglia su due sia costituita o accolga almeno un pensionato (circa 12 milioni di nuclei); in particolare, nel 33,8% delle famiglie vi è un titolare di pensione e nel 12,6% due e più. Per queste famiglie, i trasferimenti sociali erogati ai pensionati (trasferimenti pensionistici) rappresentano, in media, il 63,1% del reddito familiare netto disponibile (al netto dei fitti imputati), la quota restante è costituita per il 29,6% da redditi da lavoro e per il 7,4% da altri redditi (prevalentemente affitti e rendite finanziarie). Le pensioni di anzianità e vecchiaia (incluse le liquidazioni di fine rapporto per quiescenza) contribuiscono alla formazione del totale dei redditi familiari per il 43,7%, i trattamenti di reversibilità per il 9,5% e le restanti pensioni per il 9,9%.

C’è però da rammentare anche che il 36,3% dei pensionati riceve ogni mese meno di 1.000 euro lordi, mentre il 12,2% non supera i 500 euro. Un pensionato su quattro (24,7%) si colloca, invece, nella fascia di reddito superiore ai 2.000 euro. Il divario di genere è a svantaggio delle donne, più rappresentate nelle fasce di reddito fino a 1.500 euro. La concentrazione di percettori uomini, invece, è massima nella classe di reddito più alta (3.000 euro e più) dove ci sono 266 pensionati ogni 100 pensionate.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, si aggrava il bilancio: 106 i morti

Si aggrava il bilancio delle vittime provocate dal coronavirus. Infatti, ora i morti sono 106.…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo

Il referendum sul taglio dei parlamentari si terrà il 29 marzo. Lo ha reso noto Palazzo Chigi. «Non vedo nessun nesso con l’azione dell’esecutivo, non…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, primo caso in Germania

Il ministero della salute della Germania ha reso noto che nello stato sudorientale della Baviera c’è un primo caso di coronavirus cinese. Il paziente è…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Ci sono timori su alcuni casi di gestione delle banche»

«La Bce mantiene stabili i requisiti e gli orientamenti di capitale complessivi in termini di capitale CET1 al 10,6% ma lancia l’allarme per alcuni casi di gestione e…

28 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia