Non c’è libertà di espressione senza web | T-Mag | il magazine di Tecnè

Non c’è libertà di espressione senza web

di Francesca Pucci

Durante l’Internet Governance Forum di Roma, Stefano Rodotà ha lanciato la proposta di inserire il diritto alla rete nella Costituzione Italiana. Il giurista ha scritto il testo di un nuovo articolo della nostra carta, il 21-bis, che presto è diventato un disegno di legge sottoscritto da sedici senatori.
Ma perché proporre una modifica della Costituzione che sancisca il diritto di accedere a internet? E’ davvero necessario muoversi in questo senso o ci troviamo davanti all’ennesima operazione di marketing? Non è sufficiente l’articolo 21 a tutelare il diritto di manifestare il proprio pensiero con qualsiasi mezzo di diffusione?
E’ innegabile che il tema sia ormai al centro di un’attenzione planetaria. Diversi Paesi come l’Estonia, la Grecia, la Francia e l’Ecuador hanno già riconosciuto il diritto di accedere a internet come diritto fondamentale della persona, e questo basta per smentire la tesi che l’iniziativa italiana sia solo un’operazione di facciata o di marketing. E’ invece, la via per connettere la discussione italiana con quella globale. Il fatto che in Italia si possa far riferimento a norme costituzionali o ordinarie non è considerazione di per sé risolutiva. Al contrario abbiamo assistito e continuiamo ad assistere a continue incursioni che considerano Internet come un territorio dove si possano mettere impunemente le mani, negando proprio che si tratti di una materia già accompagnata da un’adeguata copertura costituzionale. Se la proposta di un articolo aggiuntivo spingerà a una reinterpretazione dell’art 21 non sarà un risultato da poco.
Secondo Stefano Rodotà la proposta di un articolo 21 bis va proprio nella direzione di ribadire ed espandere i principi costituzionali riguardanti l’eguaglianza e la libera costruzione della personalità, non solo quindi una proposta sul digital divide. Anzi, l’apertura verso un diritto a Internet rafforza indirettamente il principio di neutralità della Rete e la considerazione della conoscenza in Rete come bene comune, al quale deve essere garantito l’accesso.
Altrettanto interessante è il disegno di legge costituzionale sull’articolo 21 bis presentato da Roberto di Giovan Paolo (giornalista e senatore), che alla proposta di Rodotà ha aggiunto la previsione di una legge ordinaria che si occupi delle eventuali violazioni dei diritti delle persone.
Insomma, la cultura digitale, col suo diffondersi rende evidente la necessità di adeguare alla nuova “civiltà” che si va costituendo un impianto legislativo degno dei casi e dei tempi. La strada magari è ancora stretta, ma di certo è quella giusta.

Il testo dell’art. 21 proposto da Rodotà:
Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: contagi in aumento per la terza settimana, in crescita anche le intensive e i ricoveri

Contagi in crescita (da 160.829 a 244.353, +51,9%) per la terza settimana di fila. Così la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Letteratura 2022 a Annie Ernaux

Annie Ernaux, 81 anni, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2022 «per il coraggio e l’acutezza clinica con cui svela le radici, gli…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Consiglio Europeo adotta le nuove sanzioni contro Mosca

«Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull’economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Usa:«Basta con questo atteggiamento provocatorio»

«Il nostro messaggio alla Corea del Nord: basta con l’atteggiamento sconsiderato, provocatorio e che porta all’esclation. Torni al dialogo». E’ quanto si legge nel twitt…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia