La memoria corta dei social network | T-Mag | il magazine di Tecnè

La memoria corta dei social network

I social network sono uno strumento sensazionale di comunicazione. Hanno accorciato le distanze e creato un nuovo modo di accedere alle notizie, cioè quello mediato dai gusti e gli interessi dei propri “amici”. Le accuse che sono mosse al web da Andrew Keen nel suo libro Dilettanti.com risalgono al 2008, e quindi non tengono conto dell’esplosione di questi straordinari strumenti. Però tra quelle discutibili teorie si annida qualcosa di vero, e che suona come un serio segnale d’allarme. I social network hanno infatti il grosso problema della memoria. E’ infatti generalmente molto difficile rintracciare su questi strumenti i contenuti trascorsi: ha rilevanza sempre e solo il presente e il futuro, mentre perde di importanza e significato tutto quanto si è detto appena poche settimane prima. Il fiume in piena delle espressioni di ognuno è inarrestabile, e la mole di informazioni che si succedono rende praticamente impossibile accedere a quelle più datate, frustrandone il valore e l’attualità residua. Ne consegue un imbarbarimento generale del lessico e dei concetti stessi, perché certo è diverso esprimersi sapendo che di quanto si scrive resterà traccia o meno.
Ciò non toglie che le dicussioni su Facebook possano essere fertili e produttive, ma non avranno mai la sostanza piena dello “scripta manent”. E così la contraddizione e la superficialità dilagano, almeno per il momento.
Proprio a questo proposito negli ultimi giorni si sta diffondendo una applicazione che permette di rintracciare il primo contenuto condiviso su Facebook, sia esso un link o una semplice fotografia. E come di consueto avviene, la nuova app si sta diffondendo in modo virale, come succede spesso quando viene introdotta una novità. Ed è proprio questo che impressiona. I nostri profili virtuali si sorprendono e sono incuriositi dal fatto di avere un passato, e sono interessati – sembra – a poter recuperare in qualche modo una memoria che non pensavano neanche più di avere.
E’ curioso il quadro che emerge: Facebook si è diffuso principalmente perché permette di ritrovare i vecchi amici, e adesso che tutti hanno visto come sono diventati i fighetti e le biondine che erano a scuola con loro, si trovano ad affrontare il senso di estraneità che questi incontri trasmettono. Adesso, per colmo, arriva qualcosa per ritrovare sé stessi dentro Facebook, ed il peggio è che spesso s’incorre nella stessa sensazione che si prova trovando un vecchio amico cui non si ha nulla da dire.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: contagi in aumento per la terza settimana, in crescita anche le intensive e i ricoveri

Contagi in crescita (da 160.829 a 244.353, +51,9%) per la terza settimana di fila. Così la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Premio Nobel per la Letteratura 2022 a Annie Ernaux

Annie Ernaux, 81 anni, ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura 2022 «per il coraggio e l’acutezza clinica con cui svela le radici, gli…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Consiglio Europeo adotta le nuove sanzioni contro Mosca

«Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a rafforzare la pressione sul governo e sull’economia russa, a indebolire le capacità militari della Russia…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Usa:«Basta con questo atteggiamento provocatorio»

«Il nostro messaggio alla Corea del Nord: basta con l’atteggiamento sconsiderato, provocatorio e che porta all’esclation. Torni al dialogo». E’ quanto si legge nel twitt…

6 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia