La storia delle mutande del dissenso | T-Mag | il magazine di Tecnè

La storia delle mutande del dissenso

Mutatis mutandis, dal provocatorio monologo in mutande di Gianni Morandi che portò Uno di noi nel 2002 a vincere la sfida degli ascolti del sabato sera, allo scalpore suscitato dalla sfilata di Valentino in occasione della quale si presentò in mutande l’ex  sindaco di Milano Gabriele Albertini (poi ripreso dalla celebre parodia di Teo Teocoli), fino ai centocinquanta esemplari di biancheria annunciati da Giuliano Ferrara per la giornata di domani: le mutande diventano così simbolo di protesta.
Siamo in mutande, ma vivi” è lo slogan che l’Elefantino ha scelto convocando a Milano una manifestazione contro quella che definisce una minoranza etica di puritani che, con metodi che riecheggiano il totalitarismo giacobino, tenta di rovesciare il governo democraticamente eletto. Alla scenografia del teatro del Verme saranno così appese centocinquanta mutande diverse e colorate a testimonianza del dissenso nei confronti di chi – come scrive Ferrara nell’editoriale manifesto della protesta –  continua a fare politica basandosi su tesi ipocrite e moraliste, contro chi si ostina a guardare attraverso il buco della serratura, e contro il partito dei pubblici ministeri intento a praticare una sistematica persecuzione diretta ad personam e  finalizzata alla demolizione personale del premier.
In particolare, l’iniziativa del direttore de Il Foglio, vuole rappresentare una reazione giocata d’anticipo rispetto alla manifestazione per la dignità delle donne prevista per il 13 febbraio, oltre a una chiara risposta nei confronti del dilagare del conformismo anti-berlusconiano andato in scena al Palasharp e visibile ogni giorno in primo piano sulle pagine di Repubblica.
Ma la protesta organizzata da Ferrara, considerati i precedenti non rappresenta questa volta una trovata originale: a giugno dello scorso anno infatti, insegnanti, dipendenti pubblici e genitori hanno protestato contro la “Squola”ridotta  in mutande  a seguito dei tagli previsti nella riforma Gelmini. Poi sono arrivati i sindaci, in mutande per i tagli dei trasferimenti ai Comuni previsti dall’ultima manovra finanziaria. E a settembre a Mozzo, paese del Bergamasco, i militanti dell’Udc hanno steso decine di slip come simbolo di protesta contro l’amministrazione leghista colpevole di aver lasciato i cittadini in mutande a dispetto delle promesse in materia di sicurezza e lavoro. Il risultato? Una multa per aver manifestato senza autorizzazione. E per citare un altro episodio, lo scorso mese di gennaio i vigili del fuoco di Brescia si sono spogliati durante le agitazioni sindacali per richiamare l’attenzione sulla carenza di personale.
Insomma, il fenomeno è davvero diffuso: per dimostrare che il re è nudo tocca mettersi in mutande.

 

1 Commento per “La storia delle mutande del dissenso”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by tecneitalia, tecneitalia. tecneitalia said: su T-mag: La storia delle mutande del dissenso http://tinyurl.com/4o7skt8 […]

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia