Facebook non ha gli occhi a mandorla | T-Mag | il magazine di Tecnè

Facebook non ha gli occhi a mandorla

di Francesca Pucci

Il 2010 è stato l’anno del boom delle reti sociali e tra tutte a livello planetario ha dominato incontrastato Facebook con la sua rete di amicizie virtuali. Del resto i numeri parlano chiaro: oltre 600 milioni di account, copertura del 50% degli internauti di quasi ogni nazione in cui è presente (con picchi del 75% come in Indonesia) e negli Usa la parola “facebook” risulta la più ricercata, superando persino Google.
Eppure esistono alcune nazioni nelle quali, per differenti ragioni, l’azienda di Palo Alto non è riuscita ancora ad imporsi come protagonista assoluta. Se in Europa, Nord America ed Africa il colosso bianco e blu può vantarsi di non temere rivali, la situazione cambia in Sud America e drasticamente in Asia.
Il mercato più grande a cui Facebook ha dovuto rinunciare finora infatti, nonostante i numerosi tentativi, è proprio la Cina, dove per motivi di censura il social network è bloccato e non raggiungibile. Un bacino non da poco, considerando che QQ, rete sociale locale non invisa alle autorità, vanta quasi 800 milioni di utenti. Anche il Giappone è risultato un mercato ostico da conquistare.
Infatti, non sempre gli abitanti delle regioni orientali del globo riescono ad apprezzare qualcosa che per noi è quasi indispensabile. Prendiamo il Giappone, ad esempio: quello che è uno degli stati asiatici tecnologicamente più avanzati e con un buon tenore di vita dei suoi abitanti conosce a malapena cosa significhi la parola Facebook. Già, il social network di Mark Zuckerberg che tanto adoriamo e che tanto sembra ormai fondamentale alla nostra sopravvivenza è praticamente sconosciuto per la maggior parte dei giapponesi e, secondo alcune ricerche condotte dal sito Socialbakers, il numero degli utenti nel paese del sol levante è pari a circa 2 milioni, approssimativamente meno del 2% del totale degli abitanti.
Non vuol dire, però, che i giapponesi facciano completamente a meno dei social network, ma solo che sono altri i siti da loro preferiti, come Mixi, Gree e Mobage Town. Tutti hanno più di 20 milioni di utenti l’uno e, soprattutto negli ultimi mesi, sono tante le funzionalità che sembrano ispirarsi famoso cugino occidentale. Quella di Facebook in Giappone è una battaglia dall’esito altamente incerto, nonostante l’apertura a febbraio di un ufficio a Tokio.
Lo scopo? Creare una versione del social network più vicina ai gusti degli utenti giapponesi, dotata ad esempio di informazioni giudicate importanti in oriente come il gruppo sanguigno.
Il problema, tuttavia, è radicato altrove: Facebook si basa su nomi veri, dove le relazioni interpersonali reali vengono trasportate anche nel mondo digitale. Cosa che i social network giapponesi non obbligano a fare e che, soprattutto, i giapponesi non amano, percependola al contrario come una minaccia alla propria privacy. Sembra, per questo, che i recenti finanziamenti ricevuti da Facebook verranno investiti proprio in questa direzione, cercando di colmare quello che per l’azienda è un vero e proprio “buco”. Con la Cina off-limits per le restrizioni del Governo, sarà il Giappone il nuovo obiettivo di Zuckerberg in oriente?

 

Scrivi una replica

News

Regionali Sicilia, Renato Schifani ha vinto le elezioni

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Sicilia, Renato Schifani, ha vinto le elezioni. Con 133 sezioni scrutinate su 5.294 – le operazioni di…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, Putin ha concesso la cittadinanza russa ad Edward Snowden

Il leader del Cremlino, Vladimir Putin, ha concesso la cittadinanza russa ad Edward Snowden, un ex collaboratore della National Security Agency statunitense, rifugiatosi in Russia…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bruxelles: «La Commissione lavora con i governi eletti dal voto nelle urne negli stati Ue»

«La Commissione lavora con i governi eletti dal voto nelle urne negli stati Ue». Così il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer. «Speriamo di avere…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Mosca: «Errori negli sforzi di mobilitazione»

Proteste e manifestazioni – ancora nelle ultime ore nella regione russa del Daghestan –, addirittura fughe. Le immagini dei giorni scorsi provenienti dalla Russia dopo…

26 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia