Pirateria, colpa dell’inciviltà o della povertà? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pirateria, colpa dell’inciviltà o della povertà?

di Luca Sabatini

Recentemente ho letto un report comparativo sulla pirateria informatica nel mondo. Lo studio si concentra unicamente sul sistema operativo (quindi niente film, musica, videogiochi…) e cerca di quantificare il fenomeno della pirateria dividendo il numero di licenze vendute (anche in bundle con il pc) sul totale di pc venduti in un determinato anno. Nel 2009 (anno cui fa riferimento il rapporto) la quantità di sistemi operativi non originali raggiungeva, nel mondo, il 43%. Nell’Europa dell’est la percentuale sale al 64% (in Georgia, non lo stato americano ma quello caucasico, le copie pirata coprono il 95% del totale dei pc venduti) in America Latina al 63% (i più attivi sono i venezuelani che arrivano all’87%) mentre, di tutt’altro avviso sono gli statunitensi (fra i quali la pirateria scende drasticamente al 20%) o, per esempio, gli scandinavi (25%-26% in Svezia, Finlandia, Danimarca…) I dati sulla pirateria informatica dividono sicuramente i paesi più ricchi da quelli più poveri. Cercando, però, di andare oltre il puro dato economico e focalizzandoci sulle differenze fra i paesi economicamente omogenei, possiamo leggere i dati sulla base di una “civic culture” che permea maggiormente alcune culture rispetto ad altre. In Italia l’indice di pirateria raggiunge il 49% (14 punti oltre la media UE) ed inferiore solo a Romania e Grecia. Welcome to Italy…

 

2 Commenti per “Pirateria, colpa dell’inciviltà o della povertà?”

  1. […] Ci facciamo sempre riconoscere. A patto di riconoscersi nelle statistiche. […]

  2. […] Pirateria endemica Ci facciamo sempre riconoscere. A patto di riconoscersi nelle statistiche. […]

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia