Anche l’Italia non rispetta i lavoratori in Cina | T-Mag | il magazine di Tecnè

Anche l’Italia non rispetta i lavoratori in Cina

“Che in Cina i diritti del lavoro non sono rispettati non è certo una novità, ma colpisce sapere che a sfruttare gli operai cinesi sono anche grandi imprese italiane”. A riferirlo è il giornalista Vittorio Longhi, esperto di standard internazionali del lavoro. “Secondo un’inchiesta del sindacato dei metalmeccanici Fim Cisl, condotta insieme all’agenzia di cooperazione Iscos e al gruppo di ricerca cinese Ico, nella provincia del Guangdong, quella che viene chiamata la ‘fabbrica del mondo’ – spiega Longhi –, sono migliaia i lavoratori senza diritti in varie aziende italiane, tra cui Candy, Marelli (Gruppo Fiat), De Longhi, Piaggio, ST Microelectronics”.
La notizia, nota ancora Longhi, è passata inosservata, “ma le accuse sono gravi: salari e welfare sotto gli standard minimi, orari di lavoro eccessivi, violazione della libertà di associazione, di contrattazione collettiva e persino delle norme in materia di salute e sicurezza. Condizioni che riguardano 16 multinazionali metalmeccaniche, a casa madre o fornitrici d’imprese italiane per un totale di 12.470 addetti”. Dunque, “l’invito a vigilare maggiormente sul rispetto dei diritti sembra essere rivolto, oltre che alle autorità cinesi, anche a tutti i soggetti coinvolti nelle relazioni industriali in Italia, dai sindacati al governo. Senza contare i consumatori, che dovrebbero decidere i propri acquisti in modo critico e consapevole, anche sulla base del comportamento più o meno etico delle imprese”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Biden proroga lo stato di emergenza negli Usa

«La pandemia di Covid-19 continua a rappresentare un rischio significativo per la salute pubblica e la sicurezza della nazione. È essenziale continuare a combattere e…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo 112,5 milioni di casi

Sono saliti a 112.553.181 i casi di coronavirus registrati in tutto il mondo, (+443.427 rispetto a ieri). I morti invece, hanno raggiunto quota 2.487.406 (+11.972…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Francia: «Tampone molecolare anche per i transfrontalieri»

«La deroga dall’obbligo di presentare un tampone molecolare effettuato non più di 72 ore prima dell’ingresso sul territorio nazionale sarà limitata alle sole attività professionali.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina i casi sono aumentati del 40% nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore i casi di coronavirus in Ucraina sono cresciuti del 40%, facendo registrare più di 8mila nuovi casi.…

25 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia