Anche l’Italia non rispetta i lavoratori in Cina | T-Mag | il magazine di Tecnè

Anche l’Italia non rispetta i lavoratori in Cina

“Che in Cina i diritti del lavoro non sono rispettati non è certo una novità, ma colpisce sapere che a sfruttare gli operai cinesi sono anche grandi imprese italiane”. A riferirlo è il giornalista Vittorio Longhi, esperto di standard internazionali del lavoro. “Secondo un’inchiesta del sindacato dei metalmeccanici Fim Cisl, condotta insieme all’agenzia di cooperazione Iscos e al gruppo di ricerca cinese Ico, nella provincia del Guangdong, quella che viene chiamata la ‘fabbrica del mondo’ – spiega Longhi –, sono migliaia i lavoratori senza diritti in varie aziende italiane, tra cui Candy, Marelli (Gruppo Fiat), De Longhi, Piaggio, ST Microelectronics”.
La notizia, nota ancora Longhi, è passata inosservata, “ma le accuse sono gravi: salari e welfare sotto gli standard minimi, orari di lavoro eccessivi, violazione della libertà di associazione, di contrattazione collettiva e persino delle norme in materia di salute e sicurezza. Condizioni che riguardano 16 multinazionali metalmeccaniche, a casa madre o fornitrici d’imprese italiane per un totale di 12.470 addetti”. Dunque, “l’invito a vigilare maggiormente sul rispetto dei diritti sembra essere rivolto, oltre che alle autorità cinesi, anche a tutti i soggetti coinvolti nelle relazioni industriali in Italia, dai sindacati al governo. Senza contare i consumatori, che dovrebbero decidere i propri acquisti in modo critico e consapevole, anche sulla base del comportamento più o meno etico delle imprese”.

 

Scrivi una replica

News

Biden all’Onu: «Rimanere vigili sulla minaccia del terrorismo»

«Dobbiamo anche rimanere vigili sulla minaccia del terrore, che il terrorismo pone a tutte le nostre nazioni, che provenga da regioni lontane del mondo o…

21 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pnnr, Draghi: «Determinati a prevenire qualsiasi tentativo di frodi e infiltrazioni criminale»

«L’arrivo dei fondi del Next generation Eu è una grande sfida per tutti i Paesi europei e in particolare per l’Italia». Lo ha scritto il…

21 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Biden all’Onu: «Decennio decisivo per il nostro mondo»

«È un decennio decisivo per il nostro mondo». Così il presidente degli Stati Uniti Joe Biden nel suo primo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.…

21 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corte europea dei diritti umani: «Mosca responsabile della morte dell’ex spia Alexander Litvinenko»

La Russia è responsabile dell’assassinio dell’ex agente del Kgb, Alexander Litvinenko, ucciso tramite polonio a Londra nel 2006. Lo sostiene la Corte europea dei diritti…

21 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia