Il fallimento della politica degli annunci e delle passerelle | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il fallimento della politica degli annunci e delle passerelle

L'AQUILA | di Andrea Ferraretto
di Andrea Ferraretto

Ci sono tante immagini che descrivono il dolore e l’abbandono de L’Aquila dopo il terremoto: due di queste sono particolarmente significative perché danno l’idea di come lo Stato, quello con la S maiuscola ha disatteso ai suoi compiti. Le manganellate in testa a chi protestava per i ritardi e per una ricostruzione che tendeva a rimuovere e a dimenticare. Un’altra che dipinge un intervento dello Stato che ha puntato più sulla visibilità che sulla reale volontà di restituire la città ai suoi abitanti. Sono foto che raccontano di come l’emergenza sia stata l’occasione per trasformare un territorio, imponendo soluzioni che hanno, di fatto, cancellato una comunità. È il fallimento del progetto delle new town, di una città fatta di nuclei-satellite ma privi di servizi, infrastrutture, dove a mancare è il progetto: la ricostruzione non è servita a ricucire, a ricreare la coesione sociale, la vitalità di un sistema locale che non è fatto solo di palazzine ma di imprese, scuole, università, negozi, piazze. È il fallimento della politica degli annunci, dei grandi eventi internazionali, delle passerelle con capi di stato e star di Hollywood, della commozione televisiva che finisce nel momento in cui si spengono le telecamere. È il fallimento della politica che non è capace di governare, della pubblica amministrazione che non è capace di controllare come si costruisce e dove si costruisce,  perché a crollare non sono stati solo i monumenti e gli edifici storici ma strutture recenti, realizzate da uno Stato che non sa e non vede. È il fallimento dell’emergenza diventata sistema economico: dove ogni cosa è trasformata in appalto e in lavori pubblici, senza adeguati controlli e capacità di programmare. Siamo ben lontani da un’idea di Stato che è capace di dare risposte, certe e concrete: dal concetto di civil servant siamo passati a quello di cricca servant e l’Italia, in tutta sincerità, non si merita questo.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia