Non saranno i giornali a salvare la stampa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Non saranno i giornali a salvare la stampa

Per alcuni giornali il 2010 è stato drammatico. Italia Oggi ha perso oltre il 16% (negli ultimi tre anni circa il 30%). Il Secolo XIX è andato indietro di oltre il 15% (-27% in tre anni), L’Unità la lasciato per strada quasi il 15%. Complessivamente, analizzando le vendite di 56 giornali censiti da Ads, il calo è stato del 5,1%, con una perdita secca di 250 mila copie. Se si considerano i 26 quotidiani che ancora superano le 50 mila copie il calo percentuale è leggermente più alto: meno 6,2%.

Continua a leggere su Linkiesta

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia