L’Ocse contro il sistema televisivo italiano | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Ocse contro il sistema televisivo italiano

Nel settore televisivo italiano non c’è ancora sufficiente concorrenza. E’ la denuncia contenuta nel Rapporto ‘Going for Growth’ dell’Ocse divulgato oggi. “Il settore televisivo – si legge nel dossier – resta dominato da società statali e da una società privata”. L’Ocse inserisce quindi tra le proprie “raccomandazioni” quella di “chiedere all’Autorità per la Concorrenza di valutare il grado di competitività nei media tv”. L’Organizzazione di Parigi ritiene inoltre ancora “alta” in Italia la presenza dello Stato in alcuni settori con una conseguente riduzione della concorrenza. “Gli interessi dei consumatori – rileva – non sono sempre la priorità nelle politiche sulla concorrenza”.

Continua a leggere su Repubblica.it

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: «Stop all’export dell’AstraZeneca fino a rispetto dei patti»

«Ci aspettiamo che AstraZeneca accresca i suoi sforzi per distribuire di più e mettersi in pari. Questo sarà il riferimento sulla possibilità per l’azienda di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Draghi: «Compiere scelte meditate, ma rapide»

Il governo deve «moltiplicare ogni sforzo». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un videomessaggio alla conferenza “Verso una Strategia Nazionale sulla parità di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispettare e ascoltare le donne vuol dire lavorare per rendere migliore la nostra società»

«Perché disparità economiche, discriminazioni e violenze sono tutte figlie della stessa radice. Figlie di una mentalità dura a scomparire, che si annida anche nei luoghi…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Myanmar, l’esercito occupa ospedali e università

L’esercito birmano ha occupato diversi ospedali e alcune università, in vista di uno sciopero generale proclamato dai sindacati per protestare contro il golpe del 1°…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia