Mantovano e le dimissioni che non lo erano | T-Mag | il magazine di Tecnè

Mantovano e le dimissioni che non lo erano

Alfredo Mantovano si è dimesso dal suo incarico di sottosegretario all’Interno per via della inefficienza nella gestione dell’emergenza migranti. Giorni dopo, invece, ci ripensa perché i permessi di giorno temporanei escogitati dal governo sono un’iniziativa che risponde alle sue richieste. Il direttore del Post, Luca Sofri, scrive sul suo blog – la vicenda avrebbe meritato posto nella rubrica “Notizie che non lo erano”, come lui stesso ammette – che “la notizia si inserisce in effetti in un solco degno ormai di una saggistica sua: le dimissioni minacciate di Giovanardi, le dimissioni promesse di Carfagna, le dimissioni annunciate di Prestigiacomo, e ora le dimissioni ritirate di Mantovano. Tutte date per certe dai giornali, e poi sparite senza lasciare tracce, né riflessioni successive”.
“In questo caso però – osserva ancora Sofri – non si può darne colpa ai giornali, che altre volte dovrebbero usare maggiore scetticismo nei confronti di tanti annunci: queste dimissioni sembravano convincere della loro concretezza anche i più sgamati e corretti cronisti. Mantovano si era dimesso, agli occhi di tutti. Invece no: non si era dimesso, e oggi tutto torna al suo posto. Mantovano si rivela avere usato il suo gesto come strumento di pressione, forse, ma senza essere disposto a pagare nessun prezzo per quello che ha ottenuto. Dignità avrebbe suggerito che si limitasse a dire ‘apprezzo la scelta del Governo e spero di avervi contribuito, ma non torno indietro su una scelta fatta e annunciata al paese, suonerebbe ridicolo’. Che mantenesse il suo disappunto per quello che è stato fatto a Manduria, esposto come un tradimento nei confronti dei suoi elettori, anche passato qualche giorno: altrimenti è come dimettersi prima di un’esecuzione capitale perché la si ritiene ingiusta, e ritirare le dimissioni a esecuzione avvenuta perché ti promettono che ora non ne faranno più”.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia