Giappone. Al massimo livello gravità di Fukushima | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giappone. Al massimo livello gravità di Fukushima

L’Agenzia per la sicurezza nucleare e industriale del Giappone ha alzato il livello di gravità nell’impianto nucleare di Fukushima da 5 a 7. Si tratta, ora, dello stesso livello segnalato ai tempi del disastro di Chernobyl nel 1986. Tuttavia è bene precisare che la quantità di radiazioni è al momento pari al dieci per cento di quella che si sprigionò in seguito all’incidente di Chernobyl, ma allo stesso tempo la gravità della crisi di Fukushima ha raggiunto picchi da giustificare l’innalzamento al livello massimo sulla scala dell’Agenzia internazionale dell’energia atomica. “Abbiamo alzato il livello di gravità a 7 – ha spiegato Minoru Oogoda della Nisa – perché la fuoriuscita di radiazioni ha avuto impatto nell’atmosfera, nelle verdure, nell’acqua di rubinetto e nell’oceano. Abbiamo evitato di fare dichiarazioni finché non abbiamo avuto dati certi. L’annuncio è stato fatto adesso perché è stato possibile guardare e controllare i dati raccolti in due modi diversi”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, finisce il lockdown a Melbourne. E’ stato il più lungo al mondo

Finisce il lockdown a Melbourne. E’ stato il più lungo al mondo dall’inizio della pandemia di coronavirus. Infatti, la città ha trascorso 262 giorni in…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Visco: “La ripresa è dipendente dal sostegno pubblico”

“Il quadro di ripresa economica, che vede quest’anno una crescita superiore al previsto attorno al 6% e un debito/Pil in riduzione, è uno scenario che…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornata del Risparmio, Mattarella: “Il risparmio delle famiglie contribuirà alla ripartenza”

La giornata del Risparmio è caratterizzata, quest’anno da una ripresa dei ritmi produttivi e dei consumi delle famiglie, alle quali è associata una ripresa degli…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 82,24 dollari al barile e Brent a 85,46 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 83,24 dollari al barile mentre il Brent a 85,46 dollari.…

21 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia