La Lega ora mostra i muscoli del pacifintismo | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Lega ora mostra i muscoli del pacifintismo

I leghisti corrono in soccorso dei "poveretti" libici e mettono Berlusconi e La Russa alle corde

La Lega Nord, il partito dei pacifisti che non ti aspetti. La decisione di intervenire in Libia contro il regime di Gheddafi attraverso azioni mirate sugli obiettivi militari ha infatti sconquassato la maggioranza. Tanto da indurre Bossi a chiamare persino il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Tuttavia emerge un dato significativo dall’attuale crisi – concedeteci il termine inappropriato – di governo.
Se fino a poche settimane fa Umberto Bossi ordinava foera di ball ai migranti ammassati a Lampedusa, ora il portavoce dei pacifisti in seno al Carroccio è Roberto Calderoli il quale ha affermato in queste ore: “La Lega Nord è contraria alla guerra”. Ma sia chiaro: le guerre a cui la Lega è contraria sono soprattutto “quelle che coinvolgono dei poveretti, che poi inevitabilmente si riverseranno nel nostro Paese”. A ben vedere il paradigma non cambia, l’importante è che troppi “poveretti” non raggiungano le coste italiane.
Il partito dei pacifisti, per bocca del ministro dell’Interno Maroni, ha ulteriormente spiegato la propria posizione nella giornata di ieri: “Siamo rimasti sorpresi perché nell’ultimo Consiglio dei ministri Berlusconi era contrario ai bombardamenti. Noi non cambiano idea da un giorno all’altro. I bombardamenti intelligenti, per definizione, non esistono”.
Tutto lecito, per carità. Si può essere d’accordo o meno con l’opportunità dell’intervento in Libia o con la tempestività della Risoluzione Onu che di fatto ha aperto le ostilità. Ma restano alla memoria altre dichiarazioni, molto recenti anch’esse. “Bisogna respingere gli immigrati, ma non possiamo sparargli. Almeno per ora”, affermò Roberto Castelli il 12 aprile durante il programma radiofonico Un giorno da pecora. “Molto spesso, quando i nostri pescherecci, disarmati, si avvicinano alle coste della Tunisia vengono mitragliati. Usiamo lo stesso metodo”, rincarò la dose all’indomani l’eurodeputato leghista Francesco Speroni, intervenendo a Radio 24.
Pacifisti sì. Alla bisogna, però.

 

Scrivi una replica

News

Mattarella: «Le teorie antiscientifiche di pochi non possono prevalere»

«La ripartenza è una strada nuova e dobbiamo percorrerla con determinazione e speranza come nel dopoguerra, con il concorso di forze e persone. Possiamo aver…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Draghi: «A disposizione del Sud, risorse che non hanno precedenti: spendiamo questi soldi con onestà»

«Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità». Lo…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Cina: lockdown a Lanzhou

In Cina corrono ai ripari sul fronte pandemico. Dopo aver sospeso la maratona in programma a Pechino, le autorità cinesi hanno infatti messo in lockdown…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cinema: “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia agli Oscar

Nella selezione per il miglior film internazionale ai Premi Oscar, “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino rappresenterà l’Italia. Lo ha deciso la…

26 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia