Sepolto in fondo al mare fa ancora più paura? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Sepolto in fondo al mare fa ancora più paura?

La morte di Osama cambia molte cose. Avrà perso se ne cambierà troppe | di Francesco Nardi
di Francesco Nardi

L’allarme terrorismo è alto in tutto il mondo, Obama ha messo al sicuro la riconferma, Christian Rocca forse non conterà più i missili “obamiani” e Kathryn Bigelow dovrà riscrivere la trama del suo film inserendo il “lieto fine”. La primissima sensazione, insomma, è che Osama continuerà nella lenta erosione della “normalità” nel mondo, che poi è l’esatta coronazione di ogni proposito terrorista che si “rispetti”. E che in questo Bin Laden sia stato un fuoriclasse è fuori di ogni dubbio. Il mondo non sarà più lo stesso, si disse all’indomani del crollo delle torri, e così è stato. La vita sul pianeta appare deformata dalla lente del terrore, e come per l’Italia dopo la grande guerra, per l’occidente si profila il rischio di una “vittoria mutilata”. Perché l’evidenza che il mostro oggi faccia più paura da morto di quanto ormai potesse fare da vivo, trasferisce l’insicurezza oltre gli obiettivi cosiddetti sensibili e mostra quanto la paura sia attecchita nella mente degli occidentali, divenendo così beffardamente ubiqua. Il successo di Obama consiste nell’aver strappato la pagina più buia di un’agenda che non è però lui a tenere: l’inseguimento sarà ancora lungo, e non potrà dirsi “vittoria” finché sarà così. Il fantasma di Osama, sepolto in fondo al mare, agiterà per molto tempo ancora le sue catene, molto più di quanto avrebbe potuto fare in tuta arancione a Guantanamo, ma di questo ormai bisogna farsene una ragione. La missione più importante adesso è quella di riuscire a invertire il trend, come nelle campagne elettorali, e iniziare a dettarla l’agenda della lotta al terrorismo. Intanto gli sposini di Londra, per sicurezza, hanno posticipato la luna di miele. Ed ecco, se ci facciamo stravolgere l’agenda wedding, partiamo male.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia