La fine del mondo? Dipende tutto dall’uomo | T-Mag | il magazine di Tecnè

La fine del mondo? Dipende tutto dall’uomo

Terremoti, catastrofi e profezie di ogni genere. Ma il pericolo vero per il pianeta siamo noi | di Fabio Germani
di Fabio Germani

Sembra che l’uomo abbia di tanto in tanto la necessità organica di credere alla più nefasta delle profezie. Che senta il bisogno, insomma, di temere il peggio in un dato momento della propria esistenza. Cosicché verificò, nonostante i timori del tempo, che il mondo sarebbe sopravvissuto all’anno mille come all’anno duemila, Nostradamus permettendo. E neppure il millennium bag provocò tutti i danni paventati alla vigilia.
Ma ecco che la storia ciclicamente si ripete. E domani a Roma c’è già chi ha anticipato la classica gita fuori porta della domenica al mercoledì, a causa della panzana riguardo un possibile terremoto che dovrebbe verificarsi nella città eterna l’11 maggio. Domani, appunto. La “profezia” è stata attribuita da qualche buontempone a Raffaele Bendandi, noto sismologo autodidatta che a detta dei suoi sostenitori fu in grado di prevedere alcuni terremoti attraverso un metodo tuttavia non riconosciuto dalla scienza ufficiale. Il punto però è un altro: non si tratta di sentenziare aprioristicamente sull’efficacia o meno del metodo Bendandi (circostanza che non compete certo questa sede, oltretutto) bensì di sbugiardare la previsione mai avvenuta del terremoto a Roma tra le 103 che lo pseudoscienziato avrebbe lasciato in eredità alla sua morte (ma con ogni probabilità non così a lungo termine), avvenuta nel 1979. Eppure nella capitale – roba da non credere – è stato registrato per domani un incremento del 18 per cento delle ferie rispetto al 2010 (i dati sono relativi ai dipendenti pubblici).
Tra papi neri – figure la cui materializzazione è stata talvolta auspicata da diversi dirigenti del Pd per sconfiggere alle elezioni Berlusconi – e profezie Maya che tanto hanno contribuito alla fortuna di Hollywood e di vari best seller, la psicosi che si propaga da un essere umano all’altro pare non avere confini.
Noi, piuttosto, apparteniamo alla vecchia scuola di pensiero secondo cui il mondo avrà fine quando l’uomo lo avrà spremuto sino all’ultima risorsa disponibile. Forse è il nostro egoismo che dovremmo mettere a freno. E poi, parliamoci chiaramente: perché mai i romani dovrebbero essere privati dell’attesa del 2012, annus horribilis secondo una vaga interpretazione del calendario Maya?
Confidiamo, domani, di raccontare su queste pagine un’ordinaria giornata italiana. Se così non sarà, ci scusiamo anticipatamente per la frivolezza con cui abbiamo affrontato l’argomento.

 

1 Commento per “La fine del mondo? Dipende tutto dall’uomo”

  1. […] non sono state registrate attività tali da temere il peggio. E dunque, per adesso, la nostra “scommessa” sembra vinta. Certo, è ancora presto per cantare realmente vittoria. La giornata è ancora […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia