Microsoft compra Skype: ecco perché | T-Mag | il magazine di Tecnè

Microsoft compra Skype: ecco perché

Niklas Zennström e Janus Friis sono riusciti a vendere per la seconda volta Skype. E a mettersi in tasca più di un miliardo di dollari. I due vecchi pirati avevano cominciato la loro avventura internettara giusto dieci anni fa con Kazaa, un software usato per lo scambio di musica online. Non la passarono liscia con i giganti del settore, le etichette che detenevano i diritti d’autore, e furono costretti a vendere. Ma non cambiarono mentalità e, nel 2003, fondarono Skype, un sistema per fare telefonate gratis online, tecnologicamente simile a Kazaa, che li metteva in rotta di collisione con l’intera industria della telefonia globale.

Continua a leggere sul Sole 24 Ore

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia