Libia. Mandato d’arresto contro Gheddafi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Libia. Mandato d’arresto contro Gheddafi

“Abbiamo prove enormi: siamo praticamente pronti ad andare al processo”. La sicurezza ostentata dal procuratore capo della Corte penale Internazionale, Luis Moreno Ocampo, riguardo le prove raccolte sulle responsabilità del leader libico Muammar Gheddafi, il figlio Saif al Islam e il capo dei servizi libici Abdullah al Senoussi per i crimini contro l’umanità durante le repressioni nei confronti dei ribelli spiega il mandato d’arresto contro Gheddafi. Ocampo ha inoltre riferito a tale proposito che “tutti i paesi hanno cooperato” con l’inchiesta condotta dall’ufficio del procuratore della Corte. Ora la parola spetterà ai giudici della Cpi che dovranno decidere se accogliere o meno la richiesta del pubblico ministero.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia