Il Governo ora è incastrato in un vicolo stretto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Governo ora è incastrato in un vicolo stretto

Bossi vuole i ministeri al nord. Alemanno e Polverini annunciano battaglia. Il Cav tenta la mediazione

La sorpresa che Bossi e Berlusconi avrebbero dovuto fare ai cittadini milanesi ormai non è più tale. Le 100 ore che il Cavaliere ha trascorso lontano dalle telecamere, dopo lo schiaffo elettorale di Milano, gli sono evidentemente servite per trovare un accordo con Bossi, ormai determinato a capitalizzare il ruolo di alleato fedele del Pdl. E così è tornata all’ordine del giorno l’annosa questione del trasferimento di alcuni ministeri al nord Italia, obiettivo che concederebbe a Bossi il minimo necessario per continuare a tenere in piedi il quarto governo Berlusconi. Un gesto disperato che Rosy Bindi ha definito una proposta alla Totò, e il cui annuncio sinceramente non sembra affatto in grado di invertire il trend del voto milanese. E il punto è proprio questo, perché si ha la netta sensazione che Berlusconi non stia più trattando con Bossi per  garantire il massimo dell’appoggio alla Moratti, e che di conseguenza la partita si sia spostata ormai completamente sulla tenuta del Governo, messa in predicato dalla giustificata irrequietezza leghista. Non si sa quanto realmente Bossi voglia i ministeri al nord. Forse vuole solo rompere e tornare al voto, e per farlo è all’affannosa ricerca di qualcosa che possa ragionevolmente (secondo i suoi standard) chiedere e che Berlusconi non possa dargli. L’operazione intanto garantirebbe a Berlusconi di tirare avanti ancora un po’ senza problemi sul fronte dell’alleato padano, ma lo metterebbe – e di fatto lo ha già messo – nella complicata condizione di gestire quanti nel Pdl di una cosa del genere non vogliono neanche sentire parlare. Berlusconi ha imboccato un vicolo stretto, e non ha alternativa che percorrerlo fino in fondo, con tutta l’angoscia che deriva dalla forte possibilità che si tratti di un vicolo cieco.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 177,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 177.124.860. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, arrestati dirigenti giornale Apple Daily

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai. Nel…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Laboratorio di Wuhan merita premio per la pace»

«L’Istituto di Virologia di Wuhan, sempre al centro dei sospetti sull’origine del Covid-19, meriterebbe il Nobel per la Medicina». Lo ha detto il portavoce del…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, anche Boko Haram conferma la morte del leader

Boko Haram, gruppo jihadista nigeriano, ha confermato la morte del proprio storico leader Abubakar Shekau deceduto in combattimento contro il gruppo rivale “Provincia occidentale dello…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia