Ecco i grandi numeri dell’informazione su web | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ecco i grandi numeri dell’informazione su web

La crisi della carta stampata lancia la guerra agli accessi delle testate online: la sfida del contatore è partita

Paolo Madron, direttore di Lettera43, ce lo aveva già confidato: “La nostra è ancora una scommessa, ma non è stato un azzardo”. Aveva ragione da vendere, Madron. Lettera43, infatti, a marzo si piazza fra i primi 30 siti più visitati in Italia (il quotidiano online è tra gli aderenti ad Audiweb da gennaio di quest’anno). E stando ai dati emerge la continua crescita dei siti di informazione. ItaliaOggi ha pubblicato la classifica (relativa, appunto, a marzo 2011). Il sito dell’Ansa (+56%) è stabilmente al quarto posto mentre il Fatto Quotidiano ha registrato un vero e proprio exploit con i suoi 331.979 utenti unici. A Repubblica.it (+31,7%) e Corriere.it (+39,70%), rispettivamente primo e secondo di questa speciale graduatoria, segue Gazzetta.it (+9,4%). Il mercato dell’editoria online è ancora “pigro” come sottolineò il direttore del Post, Luca Sofri, in un’intervista a T-Mag, ma pigri senz’altro non sono i fruitori di notizie alla costante ricerca del pezzo e dell’aggiornamento repentino.  Sono cresciuti anche i numeri di Libero (che ha più che raddoppiato rispetto ad un anno fa) e del Giornale (224.810, +66%). Anche l’Unità può vantare un salto decisivo: dai 93.251 passa ai 173.057 utenti unici. Secondo i dati Audiweb, invece, cala il sito dell’Espresso del 15,8 per cento. Ma a tale proposito è assai presumibile che non sempre le rilevazioni di enti terzi corrispondano a quelle confezionate in casa. A dimostrarlo è la recente lettera a ItaliaOggi di Alessandro Gilioli, giornalista dell’Espresso, in cui rivendica, al contrario, la crescita in termini numerici della versione web del settimanale. “Il nostro sito – scrive Gilioli – va non bene ma benissimo: e ormai viaggia attorno ai due milioni di utenti unici al mese (spesso superandoli), contro una media che, solo due anni fa, era sul milione e mezzo. Per quanto riguarda la media annuale, nel 2009 è stata di 1.580 mila utenti unici mese, nel 2010 di 1.769 mila utenti unici mese e nel 2011 (lo dicono i dati dell’anno in corso) sarà sicuramente più alta”. Ma a creare la discrepanza sulle cifre, evidentemente, è stato il confronto solo tra i mesi di marzo del 2010 e del 2011. “Ora, noi, nel mese di marzo del 2010 – spiega il giornalista dell’Espresso –, abbiamo avuto un picco mai visto né prima né dopo, dovuto a un paio di audio di intercettazioni di cui molto s’è parlato in giro. Insomma, fu proprio un mese a sé: e quindi, inevitabilmente, il raffronto solo su quel periodo fornisce ai lettori un’impressione completamente sbagliata”. Dagospia, che ieri ha festeggiato gli undici anni di vita, ha avuto un incremento del 55,9 per cento ed è il più visitato tra quelli non necessariamente legati alla carta stampata.

 

2 Commenti per “Ecco i grandi numeri dell’informazione su web”

  1. […] edicola ma la novità è che adesso anche attraverso la cara vecchia tv si diffonde la febbre del contatore. Condividi Scritto da redazione il 25 mag 2011. Registrato sotto News. Puoi seguire la […]

  2. […] Le stime che emergono dal nono Rapporto del Censis dipingono un quadro già reso evidente dai dati Audiweb di qualche settimana fa. È soprattutto l'informazione, o per meglio dire il flusso di […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia