Ecco i grandi numeri dell’informazione su web | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ecco i grandi numeri dell’informazione su web

La crisi della carta stampata lancia la guerra agli accessi delle testate online: la sfida del contatore è partita

Paolo Madron, direttore di Lettera43, ce lo aveva già confidato: “La nostra è ancora una scommessa, ma non è stato un azzardo”. Aveva ragione da vendere, Madron. Lettera43, infatti, a marzo si piazza fra i primi 30 siti più visitati in Italia (il quotidiano online è tra gli aderenti ad Audiweb da gennaio di quest’anno). E stando ai dati emerge la continua crescita dei siti di informazione. ItaliaOggi ha pubblicato la classifica (relativa, appunto, a marzo 2011). Il sito dell’Ansa (+56%) è stabilmente al quarto posto mentre il Fatto Quotidiano ha registrato un vero e proprio exploit con i suoi 331.979 utenti unici. A Repubblica.it (+31,7%) e Corriere.it (+39,70%), rispettivamente primo e secondo di questa speciale graduatoria, segue Gazzetta.it (+9,4%). Il mercato dell’editoria online è ancora “pigro” come sottolineò il direttore del Post, Luca Sofri, in un’intervista a T-Mag, ma pigri senz’altro non sono i fruitori di notizie alla costante ricerca del pezzo e dell’aggiornamento repentino.  Sono cresciuti anche i numeri di Libero (che ha più che raddoppiato rispetto ad un anno fa) e del Giornale (224.810, +66%). Anche l’Unità può vantare un salto decisivo: dai 93.251 passa ai 173.057 utenti unici. Secondo i dati Audiweb, invece, cala il sito dell’Espresso del 15,8 per cento. Ma a tale proposito è assai presumibile che non sempre le rilevazioni di enti terzi corrispondano a quelle confezionate in casa. A dimostrarlo è la recente lettera a ItaliaOggi di Alessandro Gilioli, giornalista dell’Espresso, in cui rivendica, al contrario, la crescita in termini numerici della versione web del settimanale. “Il nostro sito – scrive Gilioli – va non bene ma benissimo: e ormai viaggia attorno ai due milioni di utenti unici al mese (spesso superandoli), contro una media che, solo due anni fa, era sul milione e mezzo. Per quanto riguarda la media annuale, nel 2009 è stata di 1.580 mila utenti unici mese, nel 2010 di 1.769 mila utenti unici mese e nel 2011 (lo dicono i dati dell’anno in corso) sarà sicuramente più alta”. Ma a creare la discrepanza sulle cifre, evidentemente, è stato il confronto solo tra i mesi di marzo del 2010 e del 2011. “Ora, noi, nel mese di marzo del 2010 – spiega il giornalista dell’Espresso –, abbiamo avuto un picco mai visto né prima né dopo, dovuto a un paio di audio di intercettazioni di cui molto s’è parlato in giro. Insomma, fu proprio un mese a sé: e quindi, inevitabilmente, il raffronto solo su quel periodo fornisce ai lettori un’impressione completamente sbagliata”. Dagospia, che ieri ha festeggiato gli undici anni di vita, ha avuto un incremento del 55,9 per cento ed è il più visitato tra quelli non necessariamente legati alla carta stampata.

 

2 Commenti per “Ecco i grandi numeri dell’informazione su web”

  1. […] edicola ma la novità è che adesso anche attraverso la cara vecchia tv si diffonde la febbre del contatore. Condividi Scritto da redazione il 25 mag 2011. Registrato sotto News. Puoi seguire la […]

  2. […] Le stime che emergono dal nono Rapporto del Censis dipingono un quadro già reso evidente dai dati Audiweb di qualche settimana fa. È soprattutto l'informazione, o per meglio dire il flusso di […]

Scrivi una replica

News

Usa-Germania, incontro Biden-Merkel il 15 luglio

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, riceverà la cancelliera tedesca Angela Merkel alla Casa Bianca il prossimo 15 luglio. Lo ha riferito il portavoce…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Ad aprile, prestiti a famiglie, settore privato e società non finanziarie in crescita»

Ad aprile, i prestiti al settore privato, alle famiglie e alle società non finanziarie sono aumentati. Lo rende noto la Banca d’Italia, riferendo i dati…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia: la Banca centrale russa ha alzato i tassi

La Banca di Russia, la banca centrale russa, ha aumentato i tassi dello 0,5%, alzando il costo del denaro al 5,5%. Confermate le previsioni degli…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: ad aprile, frena la produzione industriale

Ad aprile, la produzione industriale britannica ha registrato un calo inatteso. Lo comunica l’Office National of Statistics, l’ufficio nazionale di statistica britannico, riferendo un calo…

11 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia