Claudio Cerasa: In rete meglio il centrosinistra | T-Mag | il magazine di Tecnè

Claudio Cerasa: In rete meglio il centrosinistra

PARLA CLAUDIO CERASA | di Fabio Germani
di Fabio Germani

Se non è proprio una bocciatura, poco ci manca: “Direi che c’è stato un grande fallimento della campagna elettorale del centrodestra su internet e sui social network”. Claudio Cerasa, redattore capo del Foglio, è fulmineo nel suo giudizio quando gli chiediamo un commento sulle strategie comunicative dei candidati prima del voto. “Internet – spiega Cerasa a T-Mag – dovrebbe essere un valore aggiunto delle campagne elettorali, lo è stato per il centrosinistra, molto meno per il centrodestra.

È difficile stabilire quanti consensi sia possibile accaparrarsi online, ma sicuramente una piccola dose di voti può essere raccolta grazie ad internet. È un plusvalore di cui non si può non tenere conto”. I candidati del centrodestra, al contrario, sembrano ancorati ai metodi di persuasione più tradizionali: “Sono fortissimi sul territorio, basti pensare ai manifesti elettorali. Mi riferisco ad esempio a quelli di Gianni Lettieri a Napoli, più convincenti rispetto a quelli di De Magistris o di Morcone”.
Non sempre, invece, le “sorprese” (alcune avrebbero dovuto cambiare l’atteggiamento dei milanesi in vista del voto, a sentire Calderoli qualche giorno fa) giovano ai candidati. “Credo che sia stata una faccenda irrilevante, un grande malinteso a livello di comunicazione”, risponde Cerasa a proposito delle divergenze sull’ipotesi di trasferimento di alcuni ministeri al nord ora “congelata” da Berlusconi e Bossi (minacce dell’ultima ora dello stesso Calderoli a parte). E poi ci sono le polemiche che, vuoi e non vuoi, sono immancabili nelle campagne elettorali. In particolare nelle ultime settimane hanno acceso i riflettori su Milano dopo lo “scivolone” di Letizia Moratti che ha accusato Pisapia di una vicenda bella che archiviata durante un confronto televisivo. Il colpo assestato dal sindaco uscente “ha pesato senz’altro”, osserva Cerasa, autore della spassosissima rubrica Nichi ma che stai a di’ all’interno del suo blog Cerazade (“Ho iniziato a seguire Vendola con passione dopo aver visto una puntata del programma Le invasioni barbariche in cui era ospite. Allora ho letto i suoi libri e tutte le sue interviste dal ’96 ad oggi”, ci confida).
Dello scontro Moratti-Pisapia, si era accennato. “Per far sì che l’elettore si alzi dalla propria poltrona per andare a votare – Cerasa riprende il filo del discorso – c’è talvolta bisogno di una spinta. E non è escluso che in questo caso, venendo meno la stima, qualcuno abbia persino rinunciato. Diciamo che la gaffe della Moratti ha pesato in difetto nei suoi confronti più che a favore del candidato del centrosinistra. A Napoli invece, dove secondo me potrebbe arrivare la vera sorpresa dei ballottaggi, la situazione è diversa. Perché al di là delle polemiche a vincere il primo turno non è stata la sinistra, ma una figura, quella di De Magistris, che funziona, che piace alle persone. È un personaggio molto presente in televisione, capace di raccogliere consensi alle elezioni europee e adesso come candidato a sindaco. Insomma – conclude il redattore capo del Foglio –, in queste amministrative hanno vinto i leader ancor prima che i partiti”.

 

1 Commento per “Claudio Cerasa: In rete meglio il centrosinistra”

  1. […] dalla Rete. Noi di T-Mag ce ne siamo occupati molto in queste settimane (tanto nell'intervista a Claudio Cerasa quanto in quella con Stefano Menichini). Oggi affronta l'argomento Concita De Gregorio nel suo […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 45,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 45.179.529. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Attentato Nizza, gruppo tunisino rivendica attacco

La procura antiterrorismo di Tunisi ha aperto un’inchiesta dopo che un sedicente gruppo terroristico “Al Mahdi nel sud della Tunisia” ha rivendicato, tramite un post…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, impennata di contagi in Svizzera: 9mila nelle ultime 24 ore

La Svizzera nelle ultime 24 ore ha registrato oltre 9mila nuovi casi e 52 decessi. A riferirlo sono state le autorità sanitarie alle prese con…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la Francia torna in lockdown

La Francia è tornata in lockdown, ma a differenza di quello primaverile, questa volta rimarranno aperte le scuole, gli uffici, le fabbriche e tutto il…

30 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia