Tra accuse e incendi. Così brucia un’occasione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tra accuse e incendi. Così brucia un’occasione

Lunedì si conosceranno finalmente i verdetti di una campagna elettorale al vetriolo. Dalle 15 la diretta di T-Mag

Mancano poche ore al silenzio elettorale che decreterà la fine di una campagna dai toni particolarmente accesi. Lunedì, a partire dalle 15 (appuntamento su T-Mag per scoprire in tempo reale i dati e i vincitori dei ballottaggi), conosceremo finalmente l’esito di queste settimane convulse. C’è stato di tutto nell’ultima campagna elettorale: accuse in diretta televisiva, infangamenti da una parte e dall’altra, botte tra i sostenitori dei diversi schieramenti, polemiche a go go, comitati elettorali in fiamme. Ma ormai ci siamo, il conto alla rovescia è già partito: a Milano verrà confermata la Moratti o sarà Pisapia il nuovo sindaco? A Napoli De Magistris o Lettieri?
Cosa resterà di questa campagna elettorale è difficile a dirsi. Non è stata la più positiva degli ultimi anni, certamente. Ieri la Moratti ha auspicato un dibattito sui programmi: troppo tardi. Dapprima è stato indetto un referendum sulle persone (su Berlusconi, alla vigilia del primo turno), poi è stato sconfessato e giudicato un errore. Atti di violenza e bugie hanno fatto il resto. A completare l’opera, infine, le polemiche a distanza che pur avendo poco a che fare con il voto di domenica e lunedì sicuramente non contribuiscono a rasserenare un clima piuttosto teso.
Eppure qualcosa di positivo c’è stato: il coinvolgimento dei cittadini reso più evidente da internet e dai social network. I #morattiquotes o il caso #sucate, giochini divertenti i primi cinque minuti e che probabilmente non spostano un numero così ragguardevole di consensi, hanno però rappresentato l’emblema – seppure con i loro paradossi e allo stesso tempo limiti – di come i cittadini possano approcciare alla vita politica talvolta polemicamente anch’essi, talvolta ironicamente. L’interazione con i candidati non può che essere un bene, in questo senso. È ormai abitudine, alla chiusura di ogni campagna elettorale, trarre le conclusioni di quanto il web abbia influenzato o meno la propaganda. Arriverà senz’altro il giorno in cui tutto ciò non si renderà più necessario in quanto prassi acquisita e consolidata. Ma è innegabile come stavolta più di altre il processo dialettico abbia riguardato tutti, famosi e non (basti pensare alle critiche che migliaia di utenti hanno rivolto a Red Ronnie tramite Facebook e alla riposta alquanto stizzita di quest’ultimo postata su YouTube o alla rinuncia di Gigi D’Alessio a prendere parte al concerto in Piazza Duomo per via dei messaggi ostili ricevuti sul noto social network). Laddove sono mancati i temi e sono venute meno le discussioni sui programmi, ci ha pensato la rete, a suo modo, a riempire il vuoto.
La politica, dal canto suo, ha bruciato l’occasione di sfruttare al meglio questa opportunità. Avrebbe potuto e dovuto osare di più. Ma non è tempo, ora, di recriminare. Lunedì la sveglia suonerà e per una volta ci viene da dire: per fortuna.

 

1 Commento per “Tra accuse e incendi. Così brucia un’occasione”

  1. […] degli staff dei candidati e le macchine elettorali. Le sue considerazioni fanno il paio con quanto ha scritto T-Mag venerdì, alla vigilia del voto. Dai morattiquotes a sucate su Twitter, passando per le […]

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim: «Situazione alimentare tesa»

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha ammesso che la situazione alimentare nel paese è «tesa», secondo quanto riferito dai media statali. Secondo l’agenzia ufficiale Kcna,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid, Francia: anticipata la fine del coprifuoco: la misura verrà interrotta il 20 giugno

La Francia anticipa la fine del coprifuoco di dieci giorni, dalla fine del mese al 20 giugno. Ad annunciato, al termine del Consiglio dei ministri,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue dà l’ok al ritorno dei turisti americani anche non vaccinati

L’Ue apre le porte ai turisti americani anche non vaccinati. Le limitazioni cadranno anche per altri 8 Paesi: Albania, Macedonia del Nord, Serbia, Libano, Taiwan,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2020 cresce povertà assoluta, 5,6 mln, top da 2005”

“Nel 2020, sono in condizione di povertà assoluta poco più di due milioni di famiglie (7,7% del totale da 6,4% del 2019) e oltre 5,6…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia