Quest’anno al Cav è andato bene solo il Milan | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quest’anno al Cav è andato bene solo il Milan

Processi, scandali e diaspore. Solo il calcio ha riservato qualche soddisfazione al Premier | di F. Germani
di Fabio Germani

Se il Milan non avesse vinto lo scudetto, questo 2011 sarebbe passato alla storia come l’annus horribilis del Cavaliere. Altrimenti al presidente del Consiglio non sarebbe convenuto avventurarsi in chissà quale improbabile paragone calcistico commentando la batosta elettorale: “È evidente, abbiamo perso. Ma io sono come il Milan: quando si perde si triplicano le forze”. Che l’assioma sia in verità poco calzante lo si deduce da un ragionamento semplice: l’esito delle urne non è direttamente proporzionale a quello del campo. Berlusconi aveva promesso ai napoletani che non avrebbe “scippato” loro il forte centrocampista azzurro Marek Hamsik. Ma la garanzia, per quanto sul calcio non sia lecito scherzare, non deve essere stata recepita appieno neppure dai tifosi più intransigenti se poi Luigi De Magistris ha ottenuto ben il 65,4% delle preferenze. Che farà, ora, Berlusconi? Porterà il calciatore slovacco al Milan per ripicca?
“Una volta si vince, una volta si perde”, ha ricordato ancora il presidente del Consiglio. Ma anche qui il premier dovrebbe andarci cauto. Erano sette anni che i rossoneri non trionfavano in Serie A (in politica gli è andata meglio, tutto sommato) e questa, infatti, doveva essere l’annata giusta. Ecco perciò la campagna acquisti faraonica (no, non stiamo parlando dei Responsabili adesso) prima che il campionato prendesse il via: l’asso svedese Zlatan Ibrahimovic e Robinho i cui approdi a Milanello dovevano corrispondere alla volontà del Cav di andare al voto anticipato, a leggere sui giornali le analisi dei bene informati. A gennaio è arrivato addirittura Antonio Cassano a completare il quadro. Il Milan ha così conquistato il suo 18esimo scudetto, come era nei piani. E poco importa se Leonardo ha fatto come Fini, passando dall’altra parte della barricata. “Berlusconi vuole vincere lo scudetto per accaparrarsi qualche consenso in più”, dicevano i soliti bene informati.
Nella felice Milano rossonera, invece, a vincere sono stati la sinistra, il popolo arancione e Giuliano Pisapia. Che è pure dell’Inter, cribbio.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 41,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 41.809.596. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre cento accademici hanno chiesto misure restrittive più drastiche al governo

Oltre cento scienziati e docenti universitari hanno scritto un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a quello del Consiglio, Giuseppe Conte. Nella lettera,…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Negli Stati Uniti, con il coronavirus persi 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana»

Circa 2,5 milioni di anni di potenziale vita umana. A tanto ammonta il “costo” del coronavirus negli Stati Uniti. La stima è contenuta in uno…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito e Giappone firmano accordo commerciale

È stato siglato oggi il primo accordo commerciale post-Brexit per il Regno Unito. Si tratta dell’intesa con il Giappone (firma avvenuta a Tokyo, presente per…

23 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia