Perché tanta paura del quorum? Gad Lerner presenta la puntata de L’Infedele | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché tanta paura del quorum? Gad Lerner presenta la puntata de L’Infedele

REFERENDUM

“Perché tanta paura del quorum di metà degli elettori più uno? In particolare il governo sta facendo di tutto perchè domenica 12 e lunedì 13 giugno ci sia precluso il pronunciamento sulla scheda grigia, cioè sul quesito riguardante l’energia nucleare. Dopo la moratoria; dopo l’emendamento furbetto nel decreto ‘Omnibus’ per rinviare ogni decisione sulla costruzione delle centrali; domani l’Avvocatura dello Stato, sempre per conto del governo, cercherà di invalidare il quesito referendario di fronte alla Corte Costituzionale. Insisto, perché tanto fervore nel tentativo di impedire un pronunciamento del popolo sovrano sulle centrali nucleari?”. Sono gli interrogativi di Gad Lerner, posti ai lettori del blog, presentando la puntata di questa sera su La7 de L’Infedele. Si parlerà di nucleare, acqua e di tutti gli argomenti riguardanti il referendum del 12 e 13 giugno. Tra gli ospiti: Margherita Hack, Ilvo Diamanti, Ilaria D’Amico, Oscar Giannino, Maurizio Landini (Fiom-Cgil) e Maurizio Paniz (Pdl).

 

3 Commenti per “Perché tanta paura del quorum? Gad Lerner presenta la puntata de L’Infedele”

  1. Anna

    Ha ragione la professoressa Hack, si stà discutendo su una cosa che non si farà mai, il problema piuttosto è che se parte il nucleare partono appalti e interessi ma l’ultimo dei problemi sarà vedere una centrale finita.in Italia Più probabile uno sbarco di alieni a Fregene!!

  2. giancarlo palini

    in un paese nel quale la storia ha dimostrato che la moralità media della pubblica amministrazione sta sotto il banco e il livello etico dall’azienda privata che lavora con la pubblica amministrazione sta allo stesso livello, è implicito che la privatizzazione dell’acqua sarà un fiasco totale. un servizio al meglio pari all’attuale, se non peggiore, ma a prezzi molto più alti.
    figuriamoci con gli appalti del nucleare. in mano agli amici degli amici. e sotto il controllo e la supervisione di chi glieli ha concessi. se poi non ci si mette la mafia…
    sarà come dare una tanica di benzina e un accendino a un incendiario.
    è la realtà del paese in cui viviamo. le persone etiche sono troppo poche.
    anche se non ci sono preclusioni ideologiche, che gli dei ce ne scampino.
    4 sì secchi e inequivocabili!

  3. Edgardo

    Non andrò a votare i 4 quesiti, perchè stasera ho capito che del nucleare e dell’acqua, politicamente se ne fregano i politici, ma sono stati messi li come coppia di buoi per tirare il carretto a quello che la gente non frega più di tanto.
    L’ipocrisia è al massimo, ai pseudo politici interessa solo che ci sia il quorum per convalidare quello sul conflitto d’interessi….il che a me fa schifo.
    Dimenticavo visto che le elezioni delle miss sono una cosa disdicevole per come si presentano le donne, allora non facciamo più sfilate di modelli e al limite eliminiamo le partite di calcio dato che sono fonti di malaffare.
    Tanti saluti…..e spero che il popolo stia cambiando come dite voi, perchè finalmente capirà le ipocrisie che le vengono propinate….

Scrivi una replica

News

Covid-19, Cartabellotta (Gimbe): «Segnali incoraggianti di rallentamento dell’epidemia»

«Si vedono segnali importanti di rallentamento dell’epidemia in Italia. Alla domanda se siamo arrivati al picco, la risposta potrebbe essere ni», lo ha detto il presidente della…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confesercenti: «Con Omicron e caro-energia ripresa indietro di sei mesi»

Omicron e corsa delle bollette portano indietro di sei mesi le lancette della ripresa. Così la Confesercenti, spiegando che il nuovo rallentamento innescato dalla quarta ondata…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Continuano a salire i prezzi dei carburanti

Prosegue la scia di rialzi dei prezzi praticati dei carburanti. Secondo Quotidiano energia la quotazione media della benzina al distributori è di 1,750 euro al…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Abu Dhabi, attentato Huthi con droni: insorti yemeniti filo-iraniani rivendicano attacco

Un attacco aereo eseguito con droni da parte degli insorti yemeniti filo-iraniani Huthi, che lo hanno in seguito rivendicato, ha provocato una serie di esplosioni…

17 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia