Se vince Caio, mi ammazzo. Dicono tutti così | T-Mag | il magazine di Tecnè

Se vince Caio, mi ammazzo. Dicono tutti così

Dopo l'infelice battuta di Mastella, Feltri minaccia provocatoriamente il suicidio in caso di vittoria di Bersani

La politica e il giornalismo non sono certamente nuovi a un linguaggio iperbolico. Quante volte, ad esempio, si sono sentite espressioni come “il governo è alla canna del gas”? O al contrario che “l’opposizione non esiste” laddove pare evidente che formalmente la circostanza è quantomeno inverosimile? Il tema della “morte”, talvolta dello “stato comatoso”, ricorre spesso in politica (Berlusconi ne sa qualcosa: in molti auspicano la sua uscita di scena). Meno frequente, salvo alcuni casi, è invece il suicidio. Che ora sembra avere trovato una sua naturale collocazione volta a denigrare l’avversario o a enfatizzare un suo scivolone. Tizio è candidato? “Se vince, piuttosto mi suicido”, risponde Caio.
A intraprendere questo nuovo esercizio comunicativo è stato recentemente il leader dell’Udeur, Clemente Mastella. Candidato a sindaco di Napoli e ospite della trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, Mastella dichiarò senza troppi giri di parole che in caso di vittoria dell’odiato De Magistris si sarebbe suicidato. Ebbene, De Masistris ha vinto e sui social network non si sa quanti utenti hanno ricordato all’ex guardasigilli l’infelice battuta.
Quando Letizia Moratti rivolse la (falsa) accusa a Giuliano Pisapia in diretta televisiva, Bersani commentò: “Moratti ha estratto la pistola e si è sparata sui piedi”. Non proprio un tentativo di suicidio, ma il concetto rese bene l’idea.
In compenso, oggi, Vittorio Feltri ha evidenziato l’ibrido compromesso tra il cosa e il come prediligendo anch’egli il suicidio con arma. Stavolta lo scherno è proprio nei confronti del segretario del Pd: “Se l’avversario è Bersani e noi nel 2013 perdiamo le elezioni, io mi sparo”. Buffo che il giornalista abbia pronunciato la frase in un contesto – l’adunata dei servi del Cav organizzata dal Foglio al Teatro Capranica di Roma – in cui si è molto accentuato il ruolo sempre più fondamentale di internet nei processi di partecipazione politica. Feltri avrebbe potuto ricordare il precedente di Mastella, soprattutto in virtù del rischio che a prescindere una tale osservazione può celare. Che sia proprio Feltri il prossimo a cui la rete ricorderà le “ultime parole famose”?

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia