Quando a fare il servizio pubblico non è la Rai | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando a fare il servizio pubblico non è la Rai

LERNER CONTRO VESPA: "E' INIZIATO PORTA A PORTA ESTATE"

Mentre su La7 e su altri canali si parlava di referendum e del significato politico dei quattro sì su acqua, nucleare e legittimo impedimento, su Rai Uno stava per cominciare una nuova puntata di Porta a Porta. Chi saranno mai stati gli ospiti? Quali esponenti di governo, maggioranza e opposizione avrebbero discusso tra loro nel salotto di Bruno Vespa? Nessuno di questi, a dire il vero. Vespa, infatti, ha preferito lasciar perdere il referendum, il raggiungimento del quorum atteso dal 1995 e tutti i discorsi sul futuro del governo o sulla tenuta della maggioranza.

Piuttosto, ha deciso di dedicare il suo programma alla cronaca nera. Nel frattempo, però, L’Infedele, la trasmissione che Gad Lerner conduce ogni lunedì su La7, si avviava verso la conclusione. Ed è a quel punto che il conduttore si è lanciato nell’anatema contro Vespa e Porta a Porta: “Voglio tranquillizzare i telespettatori che più tardi volessero sintonizzarsi su Rai Uno, che è cominciato Porta a Porta Estate. Oggi, che è una giornata qualsiasi, in Italia non è successo niente di importante, parlerà di cronaca nera e dei delitti più affascinanti del tempo trascorso”. Gad Lerner ha perciò concluso amaramente, ma con un pizzico di orgoglio: “Noi a La7, invece, continueremo a fare il servizio pubblico”. Il giornalista ha in questo modo rivendicato la copertura che dal pomeriggio, con lo speciale di Enrico Mentana sul referendum, la sua emittente ha garantito al pubblico nella giornata elettorale. La7 si è così impadronita di un ruolo che dovrebbe invece competere naturalmente alla Rai, specie in uno dei maggiori programmi di approfondimento informativo della rete ammiraglia. E che La7 abbia tutta l’intenzione di sostituire le mancanze della Rai, proponendosi definitivamente quale terzo polo televisivo, è confermato dalle voci, oggi ammesse dal diretto interessato, secondo cui Telecom Italia Media starebbe corteggiando Michele Santoro. E forse anche Fabio Fazio, il quale con la lettera a Repubblica non aveva escluso la possibilità di un approdo altrove.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia