Chiesto rinvio a giudizio per Mora, Fede e Minetti. I pm: “Un bordello” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Chiesto rinvio a giudizio per Mora, Fede e Minetti. I pm: “Un bordello”

CASO RUBY

Il procuratore aggiunto Pietro Forno e il pm Antonio Sangermano, nel corso dell’udienza preliminare, hanno chiesto al gup Maria Grazia Domanico di rinviare a giudizio Lele Mora, Nicole Minetti e Emilio Fede imputati per il caso Ruby. Forno e Sangermano hanno parlato senza mezzi termini di “bordello”, ovvero “di un sistema strutturato per fornire ragazze disponibili a prostituirsi” in cui i tre protagonisti avevano ciascuno un ruolo.

 

1 Commento per “Chiesto rinvio a giudizio per Mora, Fede e Minetti. I pm: “Un bordello””

  1. […] deputato del Pdl e avvocato di Silvio Berlusconi, in riferimento alle notizie di ieri riguardo la richiesta di rinvio a giudizio per Lele Mora, Emilio Fede e Nicole Minetti. “Si tratta quindi – ha […]

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: dal 1° febbraio al supermercato e in farmacia senza Green Pass

Dal 1° febbraio per entrare nella maggior parte dei negozi servirà il Green Pass base, che si può ottenere anche soltanto con un test anti-genico…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia circa ventimila ricoveri in area medica

La nuova ondata di contagi sta mettendo sotto pressione il sistema ospedaliero italiano: i pazienti “con” o “per” Covid-19 ricoverati in area medica sono circa…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo oltre tre milioni di nuovi casi al giorno

A livello globale, tra il 13 e il 19 gennaio, i contagi giornalieri hanno superato i tre milioni, una cifra quintuplicata dalla scoperta della variante…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 70mila nuovi contagi in Israele

Sono quasi 70mila i nuovi casi registrati in Israele, dove salgono anche i malati gravi che sfiorano quota 638. Il dato dei contagi è il…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia