Difesa di Emilio Fede chiede sentenza di non luogo a procedere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Difesa di Emilio Fede chiede sentenza di non luogo a procedere

CASO RUBY

Sia i legali di Emilio Fede che quelli di Lele Mora hanno chiesto al gup di Milano una sentenza di non luogo a procedere. In particolare i legali del direttore del Tg4 hanno sostenuto l’estraneità di Fede dai fatti di induzione alla prostituzione anche minorile nell’ambito del caso Ruby. Inoltre è stata sollevata la questione di incompetenza dei magistrati milanesi. La competenza, a loro dire, spetterebbe al Tribunale di Messina poiché l’attività di induzione alla prostituzione secondo i pm di Milano avrebbe avuto inizio durante un concorso di bellezza a Letojanni nel settembre 2009. Nella scorsa udienza avevano chiesto il rinvio a giudizio per i tre imputati Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 176 milioni di casi nel mondo

I casi di coronavirus a livello globale hanno superato oggi la soglia dei 176 milioni, stando al bollettino aggiornato della Johns Hopkins University. Secondo l’università…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «Infondate accuse americane su cyberattacchi»

Per Joe Biden la Russia rappresenta una nuova sfida. Vladimir Putin “risponde”, in un’intervista a Nbc che le accuse americane secondo cui hacker russi o…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: “Dal G7 ingerenza, bugie e accuse infondate”

“Bugie, voci e accuse infondate nel corso del club dei Sette Grandi del mondo”. Lo ha affermato l’ambasciata della Cina nel Regno Uniti. “Il G7…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, da oggi 40 milioni di persone in zona bianca. Draghi: “Quarantena per arrivi da Gb in caso di aumento contagi”

Dalla giornata di lunedì 14 giugno 40milioni di persone si troveranno in zona bianca, tornando cosi gradualmente ad una vita normale, mantenendo comunque mascherine e…

14 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia