“Grazie Berlusconi” e la querelle La Repubblica-Tg1 | T-Mag | il magazine di Tecnè

“Grazie Berlusconi” e la querelle La Repubblica-Tg1

Al Tg1 delle 13.30 di mercoledì vengono mostrati i video della gente in festa per la caduta del regime di Gheddafi. Un uomo ringrazia Obama, Sarkozy e Berlusconi, secondo il cronista del Tg1. Ma il nome del premier italiano pare non venga pronunciato. 
Il “mistero” viene svelato da Repubblica, che subito punta il dito contro il telegiornale diretto da Augusto Minzolini. Prontamente, tuttavia, lo stesso Tg1 sul proprio sito precisa: “Nell’edizione delle 13,30 del Tg1 in un servizio sui festeggiamenti a Tripoli, uno degli abitanti in giubilo sventolava una bandiera americana e di fronte all’operatore tv ringraziava in inglese il presidente Obama, Sarkozy e Berlusconi. Cosa quest’ultima che deve aver non poco infastidito qualcuno che si è preso la briga di sostenere che il premier italiano era stato aggiunto da fantasiosi giornalisti. Ci dispiace segnalare un’ennesima imprecisione nei nostri critici. Come potete sentire dal video non “doppiato” l’ignoto ribelle libico nomina tutti e tre i leader dei paesi che hanno sostenuto l’intervento della Nato. Non solo, i tre nomi sono riportati anche nello ‘script’ che accompagna l’agenzia trasmessa nel circuito EUROVISION alle 21,43 e dal titolo Tripoli Flag…. A meno che gli attenti osservatori del nostro lavoro, non vogliano sostenere che lo sconosciuto cittadino di Tripoli sia un pericoloso ‘adulatore’”.
L’errore di Repubblica, ma forse sarebbe il caso di considerarla una svista, ha scatenato la reazione di blogger e utenti che sui social network hanno rilanciato il servizio. Anche in questo caso, però, le rettifiche sono state tempestive. Su Twitter il fatto è stato commentato con l’hashtag #grazieberlusconi.

 

1 Commento per ““Grazie Berlusconi” e la querelle La Repubblica-Tg1”

  1. […] tipico gioco delle parti, insomma. Un po' come avviene nel mondo dell'informazione nostrana. Nella querelle La Repubblica-Tg1, ad esempio, ancor prima di un eventuale cattivo giornalismo le luci hanno […]

Leave a Reply to Libia, si mettono in moto le diplomazie

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia