Crisi, Mussari: Nessuna conseguenza grave dopo taglio rating a banche | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi, Mussari: Nessuna conseguenza grave dopo taglio rating a banche

Non si dice particolarmente preoccupato Giuseppe Mussari, presidente dell’Abi, dopo il taglio del rating da parte di Standard & Poor’s a sette banche italiane. Secondo Mussari la decisione di S&P non avrà “gravi conseguenze” trattandosi di istituti “che avevano un rating già abbastanza alto”.
Mussari, inoltre, suggerisce una ricetta per uscire quanto prima dalla crisi. “Dobbiamo uscire dalla logica delle manovre e delle emergenze e cominciare a ragionare in maniera seria di crescita. Non possiamo piu’ tentennare su liberalizzazioni e privatizzazioni e dobbiamo ragionare in maniera dinamica in materia di patrimonio perché sia più utile alla riduzione del debito”. In altre parole, spiega ancora Mussari, “dobbiamo dare il segno ai mercati che abbiamo capito qual è la gravità della contingenza e che siamo in grado di affrontarla”.

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia