La “farsa” contro il premier | T-Mag | il magazine di Tecnè

La “farsa” contro il premier

Di Gian Marco Chiocci

L’ultima capriola dei giudici: Tarantini vittima del Cavaliere

Sono bastati solo tre giorni al tribunale del Riesame di Napoli per riscrivere l’inchiesta di Bari e per demolire l’indagine lampo della Procura di Napoli su Gianpaolo Tarantini e Valter Lavitola. Tre giorni appena per decidere, in rapida successione, che il premier Silvio Berlusconi dev’essere essere indagato, a Bari, per aver indotto Gianpi a mentire sulle serate a Palazzo Grazioli e per stabilire unilateralmente che il Presidente del Consiglio sapeva che le giovani donne presentategli dall’imprenditore pugliese erano escort. Anche se questa certezza, negli atti giudiziari di Bari, non è mai emersa.

Continua a leggere da Il Giornale.it

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, rinviato il viaggio a Pechino del segretario di Stato Blinken

Il viaggio a Pechino del segretario di Stato statunitense, Antony Blinken, è stato posticipato. Lo riporta l’agenzia Bloomberg, sottolineando che il rinvio è stato deciso…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Michel: «L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è Ucraina»

«L’Ucraina è l’Europa e l’Europa è l’Ucraina. Non siamo intimiditi dal Cremlino e non lo saremo». Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, intervenendo…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «L’Ue sosterrà il nostro piano di pace»

«Nel corso dei nostri negoziati oggi abbiamo discusso l’attuazione del nostro piano di pace, che l’Ue sosterrà, perché è l’unico progetto comprensivo per recuperare l’architettura…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Donbass non ancora protetto, operazione speciale continua»

«Il Donbass non è ancora completamente protetto, quindi l’operazione militare speciale continua». A ribadirlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito…

3 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia