Fiat, Camusso: “La sua scelta è di non rispettare le regole” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Fiat, Camusso: “La sua scelta è di non rispettare le regole”

“La scelta di Fiat di uscire da Confindustria è la scelta di non rispettare le regole, le norme di questo Paese”. A dichiararlo è stata la leader della Cgil, Susanna Camusso, a margine di un convegno al Cnel. “Direi chei famosi grandi innovatori – ha aggiunto la Camusso – stanno tornando alle ricette ottocentesche: no alle regole, sono i lavoratori che devono pagare le conseguenze della crisi e continuiamo ad avere di fronte un’azienda che vuole dettare le leggi sulle relazioni industriali senza dire quali siano i nuovi prodotti, che occupazione darà e che prospettive, e sa solo annunciare nuova cassa integrazione”. La Cgil denuncia da sempre “la propria preoccupazione per gli obiettivi effettivi della Fiat. Noi non ci auguriamo che Fiat smetta di produrre in Italia ma continuiamo a non capire cosa vuole produrre in Italia perché Fabbrica Italia, il famoso piano annunciato, sembra sempre più una chimera”.

 

1 Commento per “Fiat, Camusso: “La sua scelta è di non rispettare le regole””

  1. Andrea

    Se c’e’ in giro un dinosauro, quello e’ proprio il sindacato della Camusso. Marchione potra’ avere tanti difetti, ma la CGIL ragiona ed agisce come il sindacato rosso, contrario all’industrializzazione a meno che la CGIL stessa non abbia facolta’ di indire scioperi quando ci sono le partire di calcio, bloccare, con atto di vero sabotaggio, la produzione quando i “compagni” non fanno sciopero e via discorrendo. Non dico che gl’industriali siano dei santi, ma almeno un pezzo di pane lo danno………. Con la Camusso e c. si farebbe la fine dell’ URSS, della Bulgaria, Ucraina, Polonia, Romania, Corea del Nord, Cuba, e tutti gli stati africani rosseggianti ovvero a poco a poco saremmo alla fame piu’ nera.

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia