La sensazione di essere parte di qualcosa | T-Mag | il magazine di Tecnè

La sensazione di essere parte di qualcosa

di Carlo Buttaroni

Scrivo questo articolo, come spesso accade, con il mio iPad, poco prima di imbarcarmi sull’aereo. Di fronte a me una ragazza lavora con un computer Apple, di quelli leggeri e sottilissimi, appoggiato sulle gambe. Accanto un ragazzo tira fuori dallo zaino il suo Mac, lo accende e sulla scocca in alluminio si illumina la Mela morsicata.
Nessun segno di intesa, eppure si intuisce che ci sentiamo tutti e tre parte di qualcosa. Un qualcosa che non ha un nome, un luogo fisico di riferimento, un tempo in cui esprimersi, uno spazio in cui manifestarsi.
Ė soltanto una sensazione di esserci e partecipare, il senso di un’identità dentro una piccola ma significante porzione di futuro.
Cosa rappresenti Steve Jobs è difficile capirlo se non si è mai provata la sensazione di sentirsi parte di qualcosa che si rivolge a noi e – allo stesso tempo – parla di noi e di come siamo.
Apple non è un desiderio cieco e tecnologico ma un racconto di identità che si mescolano, di storie che si intrecciano, di vite che guardano al futuro. Sicure di viverlo adesso il futuro.
Steave Jobs è “the post man”, l’uomo del giorno dopo che guarda il futuro come un territorio da conquistare. Ma è anche l’uomo della posta, che consegna il suo messaggio alle generazioni che verranno: “Siate affamati, siate folli”, ci ha detto. E ancora: “Il tempo che avete è limitato. Quindi non sprecatelo vivendo una vita scritta da altri”.

Forse nessun altro simbolo tecnologico sarà mai forte come la mela di Apple. Una religione che non ha un sopporto teoretico o filosofico. Non è una fede, non ha dogmi. E infatti la comunità di Apple non si sente di andare contro l’ortodossia se critica e dissente, semmai contribuisce a un bene comune. Ognuno può partecipare a scrivere la buona novella offrendola agli altri, nel più grande raduno della creatività che è Apple Store. La Mela è uno stile di vita, Jobs il suo primo interprete e mancherà a tutti il suo genio visionario.
Cosa sia Apple è nelle parole attraverso cui è stato dato l’annuncio sul sito della Mela, la foto di Jobs e due date: 1955-2011.

 

1 Commento per “La sensazione di essere parte di qualcosa”

  1. Antonio

    complimenti.. bellissimo commento ad una genialità contemporanea

Leave a Reply to Antonio

News

Mattarella: «Atti di violenza ostacolano la ripresa del Paese»

«Sorprende e addolora che proprio adesso, non quando si temeva il crollo del paese, adesso che vediamo una ripresa incoraggiante, economicamente, socialmente, culturalmente, proprio ora esplodono…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: a livello globale, i contagi hanno superato i 240,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 240.786.306. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: domenica scaricati 437mila Green Pass

Certificato verde è (ormai) diventato obbligatorio per i lavoratori sul posto di lavoro, nonostante qualche protesta (oltre 150mila certificati in più rispetto a domenica scorsa).…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: testato veicolo spaziale, non missile ipersonico

La Cina ha reso noto che quello dapprima ritenuto un missile ipersonico testato era in realtà un veicolo spaziale. A chiarirlo il portavoce del ministero…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia