Pdl, Berlusconi “sussurra” il passaggio di consegne | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pdl, Berlusconi “sussurra” il passaggio di consegne

di Stefano Iannaccone

t-mag_berlusconi_tecnèSilvio Berlusconi prepara l’annuncio della non-ricandidatura alle prossime Politiche. Nel Popolo della libertà, infatti, si sta preparando il terreno per organizzare le Primarie e dare una svolta nel partito, ripulendone l’immagine di soggetto padronale. La decisione del Cavaliere sull’uscita di scena è stata ventilata da alcuni inossidabili berlusconiani come Osvaldo Napoli e Gaetano Quagliariello, rispettivamente vicepresidente dei deputati e vicepresidente dei senatori del Pdl. Entrambi, nel corso di una trasmissione radiofonica, hanno parlato di un presidente del Consiglio “stanco”. Un’altra conferma è giunta dal rivale interno Roberto Formigoni nell’ultima puntata di Ballarò. La strategia di comunicazione, pertanto, sembra seguire una direzione precisa: far circolare prima tra gli addetti ai lavori la voce del passaggio di consegne per poi provvedere all’ufficializzazione della decisione. La tecnica comunicativa assomiglia a un “sussurro” nell’attesa di individuare il momento opportuno per “urlarlo” in pubblico. Cercando di trarne benefici in termini elettorali.
L’obiettivo del presidente del Consiglio è di giungere a fine legislatura per presentarsi agli italiani come un simbolo di stabilità politica, nonostante le tante defezioni, in primis la scissione di Fini. Inoltre, Berlusconi vuole tenere il timone del governo in questa fase acuta della crisi economica per valorizzare successivamente l’immagine di una guida capace di salvare l’Italia dal default, nonostante i “complotti”.
Al di là di alcuni passaggi, leggibili in filigrana, c’è un altro dato da tenere in considerazione: la campagna tesseramento avviata dal Pdl con il segretario Angelino Alfano iperattivo. L’ex ministro della Giustizia, erede designato del Cavaliere, sta provando a costruirsi un profilo da leader per proporsi alle Primarie non solo come il delfino di Berlusconi, ma nel ruolo di tessitore politico in grado di riordinare un Popolo della libertà allo sfacelo. Il segretario, dunque, punta alla “normalizzazione soft” dell’ex partito di plastica appartenente al Padrone Unico, sfidando i frondisti Formigoni e Alemanno.

 

Scrivi una replica

News

Germania, la Linke entra al Bundestag

Malgrado il 4,9% ottenuto, la Linke (partito di sinistra), entra nel Bundestag grazie ai tre mandati su cinque. Stando alla nuova distribuzione di forze, nella…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: “La Germania è stabile”

“La Germania è sempre stabile”. Lo ha affermato Olaf Scholz, aspirante cancelliere dell’Spd, in conferenza stampa a Berlino, commentando i risultati delle elezioni e le…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, in Labour nuove regole per la nomenclatura

La riforma del regolamento interno ai Labour che forza il peso della nomenclatura ci sarà. Decisiva per ottenere la vittoria di misura è stata l’adesione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, vince la Spd ma Cdu non cede. Merkel in carica fino al nuovo governo

Per la prima volta nel dopoguerra, i due maggiori partiti della Germania sono sotto la soglia del 30%. Infatti, il conteggio ufficiale provvisorio della Commissione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia