Perché piangiamo Steve Jobs? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché piangiamo Steve Jobs?

Di Enrico Pedemonte

Jobs pensava a domani, per questo in Italia non lo abbiamo capito

Perché piangiamo Jobs? Perché in lui c’era fin dall’inizio la consapevolezza istintiva che la tecnologia stava diventando un fatto umanistico, capace di permeare in modo profondo la nostra vita, tanto da modificare l’immaginario. Anche la bellezza degli oggetti di Jobs non è solo formale, ma concentrata sull’obiettivo di umanizzare l’interazione tra le persone e la macchina, che non è più un oggetto da usare ma il prolungamento del cervello. Una svolta che la Cultura italiana non ha saputo accettare.

Continua a leggere su Linkiesta.it

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia