Perché piangiamo Steve Jobs? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché piangiamo Steve Jobs?

Di Enrico Pedemonte

Jobs pensava a domani, per questo in Italia non lo abbiamo capito

Perché piangiamo Jobs? Perché in lui c’era fin dall’inizio la consapevolezza istintiva che la tecnologia stava diventando un fatto umanistico, capace di permeare in modo profondo la nostra vita, tanto da modificare l’immaginario. Anche la bellezza degli oggetti di Jobs non è solo formale, ma concentrata sull’obiettivo di umanizzare l’interazione tra le persone e la macchina, che non è più un oggetto da usare ma il prolungamento del cervello. Una svolta che la Cultura italiana non ha saputo accettare.

Continua a leggere su Linkiesta.it

 

Scrivi una replica

News

Germania, la Linke entra al Bundestag

Malgrado il 4,9% ottenuto, la Linke (partito di sinistra), entra nel Bundestag grazie ai tre mandati su cinque. Stando alla nuova distribuzione di forze, nella…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: “La Germania è stabile”

“La Germania è sempre stabile”. Lo ha affermato Olaf Scholz, aspirante cancelliere dell’Spd, in conferenza stampa a Berlino, commentando i risultati delle elezioni e le…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, in Labour nuove regole per la nomenclatura

La riforma del regolamento interno ai Labour che forza il peso della nomenclatura ci sarà. Decisiva per ottenere la vittoria di misura è stata l’adesione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, vince la Spd ma Cdu non cede. Merkel in carica fino al nuovo governo

Per la prima volta nel dopoguerra, i due maggiori partiti della Germania sono sotto la soglia del 30%. Infatti, il conteggio ufficiale provvisorio della Commissione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia