Il governo incassa la fiducia, Berlusconi è salvo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il governo incassa la fiducia, Berlusconi è salvo

Già di prima mattina il premier Silvio Berlusconi aveva ostentato ottimismo. E come lui molti esponenti della maggioranza. Alcune defezioni, ad esempio i deputati vicini a Scajola, Fabio Gava e Giustina Destro, erano state messe in conto. Ma alla fine il governo ha incassato la fiducia con 316 voti favorevoli e 301 no. Che il voto fosse sul filo di lana, però, era apparso sin troppo lapalissiano a partire dal “giallo” relativo al “responsabile” (ora esponente di Popolo e Territorio) Luciano Sardelli. Berlusconi si era detto convinto del suo sostegno, ma il deputato ai microfoni di SkyTg24 ha più tardi dichiarato l’esatto contrario. Tanta delusione da parte del premier, un colloquio fra i due e Sardelli non ha partecipato alla votazione.
Ma a creare scompiglio, specie tra le file del Pd, è stato l’ennesimo strappo consumato in pochi giorni con i Radicali. Le opposizioni, infatti, avevano deciso compattamente di non partecipare alla prima chiama allo scopo di verificare se la maggioranza era in grado di raggiungere il numero legale (315). Cinque esponenti radicali su sei hanno invece partecipato alla votazione alla prima chiama, con evidente disapprovazione del resto del Pd. Rosy Bindi li avrebbe addirittura apostrofati in un modo piuttosto colorito: “Che stronzi”.
A scagionare i Radicali è stato però il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi, secondo il quale alla prima chiama avrebbero votato 322 deputati, il che rende – qualora la circostanza venisse confermata – il voto dei cinque (che comunque si sono espressi per il no) vano per il numero legale. Il deputato radicale eletto nel Pd, Marco Beltrandi, ha così sentenziato: “Certo che adesso ci sono polemiche tra noi e gli altri componenti dell’opposizione. L’esame di coscienza lo deve fare qualcun altro, noi non crediamo nella democrazia delle assenze e nel vuoto politico”.
Silvio Berlusconi ha osservato alla fine della votazione come quello dell’opposizione di non far raggiungere il numero legale sia stato un trucco del più bieco parlamentarismo. Sul fronte dei malpancisti Cladio Scajola, dipinto negli ultimi giorni come il più attivo in questo senso, si è allineato al Pdl. Ma ha anche auspicato “un grande cambiamento” dopo la fiducia “altrimenti andiamo tutti a sbattere”.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

È morto l’ex segretario generale della Uil, Pietro Larizza

Il segretario generale della Uil dal 1992 al 2000, Pietro Larizza, è morto all’età di 85 anni. Lo ha reso noto il sindacato attraverso una…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, due nuove accuse contro San Suu Kyi

Violazione delle legge sulla comunicazione e incitamento al disordine pubblico. Queste sono le due nuove accuse rivolte alla leader birmana deposta dal colpo di stato…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’Iran respinge le accuse di Israele su attacco nave

L’Iran nega e dunque respinge l’accusa da parte di Israele di aver attacco la nave di proprietà isreaeliana Helios Ray nel golfo dell’Oman la scorsa…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fukushima, completata la rimozione del combustibile nucleare

La Tepco, l’operatore della centrale di Fukushima, ha reso noto di aver completato la rimozione delle barre combustibile nucleare dalle vasche di contenimento del reattore…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia