Decreto sviluppo, cosa dice la bozza del governo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Decreto sviluppo, cosa dice la bozza del governo

In barba ai soldi che non ci sono e alla fretta di cui non c’è necessità, è stata resa nota la bozza del decreto sviluppo. La prima cosa che risalta sono le pagelle che dal 2013 arriveranno solo via web insieme ai certificati. Lo stesso è previsto per iscrizioni e pagamenti delle tasse scolastiche. E come le pagelle anche i biglietti dei bus diventano elettronici per “incentivare l’uso degli strumenti elettronici per migliorare i servizi ai cittadini nel settore del trasporto pubblico locale, riducendone i costi”
E ancora: “Al fine di assicurare un quadro completo delle assenze nei settori pubblico e privato e un efficace sistema di controllo delle stesse, nonché di semplificare gli adempimenti a carico dei lavoratori, riducendone i costi connessi, in tutti i casi di assenza per malattia del figlio, la certificazione di malattia è inviata per via telematica”.

Sul fronte dell’università i professori ordinari andranno in pensione a 68 anni anziché a 70, mentre è prorogato al 31 dicembre 2012, inoltre, il termine per procedere all’assunzione del personale universitario.

Per far fronte alla ricostruzione delle zone colpite da calamità, inoltre, il governo pensa ad una “copertura assicurativa obbligatoria del rischio calamità naturali nelle nuove polizze che garantiscono i fabbricati privati destinati ad uso abitativo contro l’incendio”.

Da quanto si apprende sono in arrivo garanzie statali per i mutui alle giovani coppie sposate prive di contratto di lavoro di lavoro a tempo indeterminato per accendere un mutuo sulla prima casa.

È inoltre previsto un maggiore sostegno alla ricerca delle imprese in rete attraverso una rivisitazione del meccanismo di destinazione del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca (Fri).

I controlli sulle imprese vengono razionalizzati e semplificati con l’obiettivo di “recare minore intralcio” all’attività imprenditoriale.

“I soggetti aggiudicatari di nuove opere infrastrutturali comprese in piani o programmi approvate dalle competenti amministrazioni pubbliche, ai fini dell’imposta sulle società – si legge ancora nella bozza del decreto – possono dedurre dal reddito di impresa l’equivalente degli aumenti di capitale destinati ad investimenti infrastrutturali”.

Per completare il processo di dismissione degli immobili degli enti previdenziali, infine, gli aventi diritto “possono esercitare il diritto di

 

3 Commenti per “Decreto sviluppo, cosa dice la bozza del governo”

  1. […] Articolo: Decreto sviluppo, cosa dice la bozza del governo Aggregato il   19 ottobre, 2011 nella categoria Banche, Comparazione, Finanziamenti, Mutui, […]

  2. marzia

    Non male questa iniziativa dello stato garante sui mutui, ne parlavo anche con un consulente di http://www.mutuisupermarket.it
    Secondo me si dovrà capire se le banche si fideranno dello stato, considerato l’andamento dello spread BTP-Bund.

  3. […] cioè quando ci sarà un provvedimento che sia di stimolo a sviluppo e crescita”. Come a dire che la bozza presentata l’indomani – che in effetti a una prima lettura non appare granché – deve […]

Leave a Reply to Un Paese smanioso di crescere, senza fretta | T-Mag | il magazine di Tecnè

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia