La Repubblica italiana è fondata sul lavoro… o no? | T-Mag | il magazine di Tecnè

La Repubblica italiana è fondata sul lavoro… o no?

di Claudia Carmenati

Sancito dall’articolo 1 della Costituzione come pilastro della democrazia e al tempo stesso considerato un castigo nella bibbia. Il lavoro: ci salva o ci condanna? Una riflessione nuova sul significato del lavoro nelle nostre vite al centro della puntata di Io, Chiara e l’Oscuro (in onda su Radio 2), anche Tecnè porta la sua testimonianza, nel ricco parterre c’è Carlo Buttaroni nella sua veste di sociologo.
C’è chi lavoro lo fa per noia, chi se lo sceglie per professione, chi né l’uno nell’altro e cè chi lo fa per passione. Così parafrasando “Bocca di Rosa”, passiamo in rassegna gli ospiti: Giorgio il “non lavoratore per scelta”, Valentina promotrice del NEETing 1° raduno regionale di pseudolavoratori, un rappresentante del centro per l’impiego, un lavoratore esemplare con 55 anni di onorato servizio. Il tema è caldo, scatena polemiche e genera riflessioni. Lavorare davvero nobilita o la nostra essenza sarebbe più manifesta liberandosi dal fardello del “fare”. Per Carlo Buttaroni non ci sono dubbi: “Le più grandi rivoluzioni dello scorso millennio, francese, americana e russa, ci hanno liberato dalla classe di chi vive di rendita, ci hanno fatto superare la dicotomia uomo bue contro letterato. Il lavoro è garanzia di pari opportunità, rende una società meritocratica. Ci sono ancora sacche di privilegio, Giorgio e il suo stile di vita sono un cattivo esempio”. Tra scontri di pensiero e ideologie c’è anche chi il lavoro lo cerca, ma non lo trova. “E’ un falso mito quello dei lavori manuali come frontiera per riappianare la disoccupazione italiana”, commenta Buttaroni.
Chiara Gamberale, la conduttrice, non riesce a frenare i loghi comuni di chi considera però i giovani disoccupati “schizzinosi”. Non abbiamo avuto modo di replicare, lo facciamo dalle nostre pagine. In economia il Pil sembra non essere più capace di essere un indicatore del progresso di un paese e sono allo studio altri strumenti più capaci di capire lo sviluppo o il mancato sviluppo, uno di più interessanti è l’indice della creatività. In pratica, un paese è tanto più sviluppato quanto sono complesse e necessarie di astrazione le categorie di lavoro che offre. Insomma se Steve Jobs è nato in California un motivo ci sarà.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Usa: meno di 40 mila casi in 24 ore

Gli Stati Uniti hanno registrato meno di 40mila casi nelle ultime 24 ore, stando al consueto bollettino della Johns Hopkins University, un dato che non…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Congo, ucciso magistrato che indagava su morte Attanasio

È stato ucciso in Congo il magistrato militare che indagava sull’agguato in cui sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, netto calo dei casi in Gran Bretagna

Continuano a calare notevolmente i casi di coronavirus in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore su 863mila tamponi effettuati, solo 6.500 sono risultati positivi.…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nuova Zelanda, terremoto di magnitudo 8.1 al largo: allarme tsunami rientrato

Dopo le tre scosse di magnitudo 6.9, 7.1, 8.1, a largo della Nuova Zelenda, si era alzata l’allerta di tsunami, ma l’allarme è rientrato dopo…

5 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia