I provider hanno la meglio su Moncler. Niente sequestro preventivo | T-Mag | il magazine di Tecnè

I provider hanno la meglio su Moncler. Niente sequestro preventivo

Il giudice delle indagini preliminari, Lara Fortuna, ha deciso il dissequestro di 493 siti accusati di contraffazione e vendita illegale di prodotti targati Moncler. La casa di moda ne aveva chiesto (e ottenuto) in precedenza il sequestro.
Secondo il giudici le indagini devono proseguire perché ciò non significa che i siti in questione non siano esenti da reato. Molto più semplicemente risulterebbe esagerato il sequestro preventivo solo perché compariva il nome “Moncler” negli indirizzi web.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale i contagi hanno superato i 261,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 261.664.156. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone richiude le frontiere agli stranieri

Il Giappone chiuderà, di nuovo, i suoi confini a tutti i visitatori stranieri, con lo scopo di contrastare la variante Omicron del Covid-19. Ad annunciarlo…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nucleare, Teheran: «Usa rimuovano le sanzioni»

«Se gli Usa vengono a Vienna per i colloqui sul nucleare con l’obiettivo di rimuovere le sanzioni potranno cogliere l’opportunità di tornare all’accordo». Lo ha…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green pass, in Svizzera vince il sì al referendum

Con il 63% dei voti a favore, la Svizzera ha detto sì al Green pass. Così, infatti, si sono espressi ieri i cittadini nell’ambito del…

29 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia