SPECIALE GENOVA. Allerta 2 fino alle 18 di martedì | T-Mag | il magazine di Tecnè

SPECIALE GENOVA. Allerta 2 fino alle 18 di martedì

A Genova è stato prolungato fino alle 18 di martedì l’allerta 2 (inizialmente previsto fino alle 18 di lunedì) come confermato dall’assessore alla Sicurezza, Francesco Scidone: “Le previsioni annunciano un nuovo picco di precipitazioni nel tardo pomeriggio di oggi, con prolungamenti nella giornata di domani. L’attenzione permane su tutto il territorio cittadino da ponente a levante, non è possibile evidenziare una zona più critica”. Le scuole rimarranno chiuse anche domani.
Oggi, però, la giornata è stata caratterizzata dal lutto cittadino. Alle 12, infatti, Genova si è stretta per la commemorazione delle vittime del violento nubifragio del 4 novembre.
La sindaco Marta Vincenzi ha inoltre proseguito il suo giro delle zone della città più colpite dall’alluvione. In particolare oggi è stata la volta di Largo Merlo, dove la Vincenzi si è soffermata nei negozi, nelle aziende e a parlare con le famiglie.
“La solidarietà e l’impegno dei giovani volontari nell’emergenza alluvione, a Genova, sono stati magnifici’, ha osservato la sindaco a margine di un incontro con i parlamentari liguri. “In un momento terribile – ha aggiunto – c’è la consolazione che Genova può ripartire da migliaia giovani che stanno facendo il possibile contro il fango”.
Intanto nella giornata di lunedì è stato compiuto un sopralluogo in via Fereggiano, la zona più colpita dall’alluvione di venerdì. A esaminare l’area è stato il geologo Alfonso Bellini, nominato dalla Procura di Genova per scoprire, insieme ad altri due tecnici cosa ha causato l’esondazione che ha provocato sei vittime e ingenti danni, e se questa poteva essere evitata. Insieme a lui perlustrano la zona i carabinieri. Per domani, invece, è programmato un altro sopralluogo al cui è previsto partecipino anche i due tecnici, in campo idraulico e idrogeologico, che saranno ufficialmente nominati dai magistrati che si occupano dell’inchiesta, il procuratore capo facente funzioni Vincenzo Scolastico e il sostituto procuratore Stefano Puppo. Da par suo, il presidente dell’Anci, Graziano Delrio, ha notato come sia difficile per un sindaco fare prevenzione: “Bisognerebbe infatti sapere che un Comune, per poter spendere fondi propri per combattere il dissesto idrogeologico senza incorrere nelle sanzioni previste dal patto di stabilità ha la necessità che sia stato dichiarato lo stato di calamità naturale. Altrimenti non può farlo. Nella sostanza, questo significa vietare opere di prevenzione, lasciando spazi di manovra solo a disastro avvenuto”.
Nel frattempo il Comune di Genova ha messo a disposizione due conti correnti per raccogliere le donazioni da parte di tutti quei cittadini che vogliono contribuire con donazioni di denaro (qui le coordinate) mentre da quanto si è appreso l’incasso del recupero di campionato Genoa-Inter sarà interamente devoluto alle famiglie colpite dall’alluvione.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia