Ma l’Italia rialzerà la testa in estate | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma l’Italia rialzerà la testa in estate

di Carlo Buttaroni

Se Monti attuerà le misure giuste, l’Italia rialzerà la testa a partire da luglio. L’onda lunga della precedente gestione della cosa pubblica e gli effetti delle manovre speculative peseranno sulla crescita nazionale, sulla pressione fiscale per aziende e cittadini e sui mercati ancora per diversi mesi. Questa è la nostra analisi di previsione, in qualità di istituto di ricerca Tecnè, l’indomani dell’insediamento del nuovo esecutivo.
Non è plausibile una ripresa in tempi brevi, anzi. Quello che ci aspetta è il semestre in cui l’Italia pagherà più caro il prezzo della crisi mondiale in termini di pressione fiscale, diminuzione del potere d’acquisto, tagli dei servizi, disoccupazione. L’immobilismo del precedente governo non ha fatto che aggravare il compito che oggi Monti si appresta a prendere ufficialmente in carico.
Il compito però del professore valica i confini dell’aggiustamento economico finanziario dello Stato.
La vera sfida del nuovo premier e in concerto con il Parlamento sarà superare la degenerazione culturale e politica, lascito del berlusconismo, e recuperare il senso di responsabilità delle istituzioni. Solo così potrà di nuovo salire la fiducia dei cittadini nei suoi rappresentanti. Inoltre se il governo Monti non si allontanerà dal solco politico ispirato alla costituzione e all’unità tracciato nei mesi scorsi dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, metterà in moto un processo di riparazione del tessuto democratico e acquisizione di buone pratiche politiche che segnerà l’inizio di un nuovo capitolo per il nostro Paese.

 

Scrivi una replica

News

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 63,37 dollari al barile e Brent a 67,33 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato 63,37 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 67,33 dollari.…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stellantis, vendite a marzo 2021 in aumento del 141% rispetto allo stesso mese del 2020

Il gruppo Stellantis ha venduto 292.149 auto a marzo 2021, il 140,9% in più rispetto a marzo 2020. Nel primo trimestre le immatricolazioni sono 669.676,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, a marzo 2021 vendite in aumento del 62,7% rispetto a marzo 2020

Stando ai dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei, a marzo in Unione Europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state vendute 1.387.924 auto, il 62,7%…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia