I “vampiri buoni” del cinema, il perché di un successo | T-Mag | il magazine di Tecnè

I “vampiri buoni” del cinema, il perché di un successo

di Giorgia Del Cupola

Al primo week end di programmazione risulta essere il quinto miglior esordio cinematografico della storia americana, preceduto dall’altro fenomeno editoriale Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2, Il Cavalierie Oscuro, Spider Man e dal secondo capitolo della saga in questione, New Moon. Il mattatore del botteghino a cui ci si riferisce è il quarto film dell’epopea di Twilight, Breaking Dawn – Parte I, che nel primo fine settimana di programmazione totalizza un incasso di 139,5 milioni di dollari negli States e 284 milioni nel mondo. In questo capitolo il vampiro Edward e l’umana Bella riescono finalmente a convolare a nozze, alle quali segue la luna di miele e la tanto sospirata unione fisica dei due, problematica in quanto Edward con la sua forza sovrannaturale ha paura di fare del male alla ragazza in un impeto di passione. A parte qualche livido la conseguenza più drammatica dell’accoppiamento dei giovani sposini è un’inaspettata gravidanza, evento mai capitato prima nella storia dei vampiri e degli umani e che porterà Bella allo sfinimento fisico e poi alla morte. Sullo sfondo sempre il terzo incomodo- licantropo Jacob che passa dal sentimento di vendetta nei confronti della bambina, rea di aver ucciso la sua amata, all’amore per questa, a causa dell’imprinting, una specie di colpo di fulmine inevitabile, che lega un licantropo in eterno alla donna con cui lo “contrae”. Questa prima parte dell’ultima trasposizione dei romanzi di Staphanie Meyer si conclude con la trasformazione in vampiro della protagonista, inevitabile per salvarle la vita dopo il parto. A parte la trama incompleta e dilatata all’inverosimile al fine di ottenere due mostri del box office anziché uno, il film risulta scarso sia dal punto di vista della sceneggiatura che della regia e di conseguenza dell’interpretazione degli attori.
Ma come si spiega questo successo (o più in generale il fenomeno Twilight) in netta controtendenza rispetto alle critiche? Sociologicamente parlando, a prescindere dal tema horror-fantastico su cui si basano i romanzi, le gesta dei protagonisti seguono una traccia etica sicuramente filo cattolica, per cui i due ragazzi si astengono dall’avere rapporti sessuali prima del matrimonio e la protagonista arriva a morire pur di non abortire un “mostro” che portava in corpo e che la dilaniava dall’interno. Nonostante le società occidentali, in particolar modo quella americana, siano caratterizzate da comportamenti giovanili di gran lunga distanti da questi ideali, evidentemente hanno in sé il bisogno di ritrovarli. Pertanto questo pubblico adolescente e post- adolescente, sembra che cerchi di sanare una totale latitanza di valori e di punti di riferimento attraverso il cinema buono e buonista.
Esempio ne è anche Harry Potter e i numerosi musical della Disney, in cui non i protagonisti non vanno mai oltre a un casto bacio.
Il film sarà anche pessimo, ma se è veicolo di un messaggio tanto positivo, che ben venga, in barba ai critici e alla faccia del cinema d’autore.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Biden: «Gli Usa taglieranno le emissioni tra il 50 e il 52% entro il 2030»

Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52% entro il 2030. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Joe…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio»

«Il fatto che nel testo del decreto varato ieri non sia stato riprogrammato il coprifuoco, non significa che durerà fino al 31 luglio. Questa è una lettura…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia