Agenda digitale italiana cercasi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Agenda digitale italiana cercasi

di Pietro Raffa

Il nuovo rapporto di Confindustria su Ict e Banda Larga ci aiuta a capire quanto sia inespresso il potenziale delle tecnologie digitali in termini di crescita economica e risparmio. Per questo motivo Gaetano Galateri, che ha coordinato la stesura del report, ha più volte sollecitato il governo affinché, in tempi brevi (entro il 5 dicembre), prenda provvedimenti in materia. Carmine Fotina, sul Sole 24 Ore di ieri, sintetizzava il rapporto snocciolando dati emblematici. Un esempio? Ogni incremento del 10% della diffusione della banda larga genera un 1,2% annuo di crescita. Fotina ci ha ricordato dell’esistenza di un problema di digitalizzazione sia per quanto riguarda i singoli (il 40% degli italiani non ha mai utilizzato un pc), che per quanto concerne le aziende (solo il 55% delle imprese possiede un sito internet e appena il 16% si lancia nell’e-commerce).
E ancora, soffermandoci sempre sul caso italiano: 2,3 milioni di persone non possono usufruire di una connessione a 640 kbs, 7,2 milioni vivono in assenza di una connessione a 2 mega. Se si puntasse sull’innovazione tecnologica, avremmo costi nettamente inferiori in svariati campi: nel solo settore sanitario si potrebbero risparmiare tra i 3 e i 5 miliardi di euro.
Forse era il caso, a livello governativo, di affidare ad un’unica figura il compito di gestione dell’agenda digitale italiana (diverse fonti indicano che, in tal senso, qualche speranza ancora c’è). Come ha scritto Luca De Biase, adesso si aprono due strade:

Nella prima ipotesi, l’agenda digitale è una tale priorità del governo che non viene considerata come una funzione specialistica da affidare a un sottosegretario ma le azioni che richiede vengono assunte dalla collegialità del governo (infrastrutture e banda larga, istruzione e analfabetismo funzionale e tecnologico, sviluppo e facilitazione per l’avvio di nuove imprese, fisco e definizione delle aliquote nell’ecommerce, e così via).
Nella seconda ipotesi, internet continua a essere vista come un giochino per amanti di Facebook, vagamente pericoloso per quelli che lavorano sui media tradizionali, poco comprensibile e dunque poco prioritario, e così via.

Capire cosa ci auguriamo in questa sede non è impresa ardua.

Questo articolo è stato inizialmente pubblicato qui.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia