Berlusconi, Pausini e il salto all’indietro dell’11.11.11 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Berlusconi, Pausini e il salto all’indietro dell’11.11.11

di Kent Brockman

L’11 novembre 2011 era una data molto attesa. I più fantasiosi scaramantici aspettavano un segnale quasi “messianico”, derivante dalla congiuntura (in effetti molto rara) che vede coincidere giorno, mese e anno nello stesso numero (11.11.11). L’opposizione di centrosinistra aspettava un segnale, che qualcosa di “messianico” forse lo poteva mostrare: le dimissioni di Silvio Berlusconi da presidente del Consiglio, prima annunciate e poi presentate il giorno successivo. Altri ancora – forse con una smania maggiore – aspettavano un altro segnale, che di “messianico” – a modo molto personale – qualcosina poteva ancora mostrare: lo sfavillante ritorno sulla scena musicale di Laura Pausini, che dopo circa un anno di assenza (voluta) era pronta a tornare sulla scena regalandoci un bel concerto. Proprio l’11.11.11.
Il comune denominatore di queste tre attese differenti è uno solo: noi, la gente. Una porzione della “massa” era convinta – affascinata da quei burloni dei Maya, con aggiunta una spruzzata dell’“infallibile” Nostradamus – che l’11 novembre qualcosa sarebbe irrimediabilmente cambiato. Invece niente. Da quel giorno Silvio Berlusconi ha traslocato da Palazzo Chigi, ma non si è ritirato a vita privata. Dopo aver immediatamente tranquillizzato tutti sul fatto che avrebbe continuato a fare politica ecco l’intervento, nel corso di una convention, contro i comunisti che – per il Cavaliere rammodernato per l’occasione in versione primi anni ’90 – sono stati alla finestra a godersi la crisi e, appena caduto lui, sono pronti a tornare al potere.
Senza preoccuparsi minimamente dei comunisti alla finestra, invece, la Pausini ha ripreso a cantare l’11 novembre, ma anche qui in versione primi anni ’90. L’amore, la storia che finisce, lei che lo ama ancora, la “solitudine” di sanremiana memoria. Grazie a Berlusconi e alla Pausini, insomma (e tutto questo i Maya non potevano prevederlo), ci siamo fatti un bel tuffo indietro di anni 18: dal 2011 al 1993. L’anno in cui Silvio Berlusconi scendeva in campo contro i comunisti (che già stavano alla finestra) e Laura Pausini scendeva in campo artistico a cantarci delle sue pene d’amore.
Da allora tutto è rimasto uguale. Berlusconi, la Pausini e – purtroppo – anche molti di noi.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Biden: «Penso che il processo di impeachment contro Trump vada fatto»

«Penso che vada fatto». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, commentando alla CNN il processo per impeachment nei confronti del suo…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, impeachment contro Trump va al Senato: processo inizierà l’8 febbraio

L’articolo per l’impeachment di Donald Trump, inviato dalla speaker della Camera Nancy Pelosi, è arrivato in Senato. L’articolo è stato letto dal deputato Jamie Raskin,…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Di Maio: «Crisi senza alcun senso. È il momento della verità»

«Crisi di governo senza alcun senso, mentre stiamo lottando contro i colossi farmaceutici che ci hanno bloccato le forniture di vaccini. Dovrebbe esserci un Governo…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo: Conte si è dimesso da presidente del Consiglio

«Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri Prof. Avv. Giuseppe Conte, il…

26 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia