Berlusconi, ritorno con “vendetta” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Berlusconi, ritorno con “vendetta”

di Stefano Iannaccone

Contro il governo tecnico, contro l’Europa e anche contro Bossi. Silvio Berlusconi irrompe sulla scena con una frenesia da campagna elettorale, che rinsalda la sua leadership nel Popolo della libertà. Il Cavaliere, infatti, ha atteso le prime difficoltà di Mario Monti per lanciare affondi, preconizzando addirittura una possibile fine anticipata della legislatura. Ed è tornato alle origini rivoluzionarie con interventi di rottura rispetto al dibattito politico in corso.
La strategia di comunicazione, dunque, diventa aggressiva verso il presidente del Consiglio, alle prese con malumori sparsi nei partiti e con l’opinione pubblica irritata dall’arrivo di nuove tasse. Le posizioni anti-governative puntano a mantenere la distanza dai sacrifici imposti dall’esecutivo dei professori. Il “sì” alla manovra è stato presentato come una necessità di fronte alla crisi internazionale e alla pressione costante sui titoli italiani. In tale scenario, Berlusconi ha comunque rilanciato l’offensiva contro l’Europa, plaudendo alla scelta di Cameron di non entrare nell’unione fiscale. Frasi che rappresentano il preludio a una campagna elettorale “anti-europeista” per provare a conquistare l’elettorato deluso dalla gestione dell’Ue.
La novità, però, è la polemica con “l’amico” Bossi. Il numero uno della Lega ha iniziato uno scontro d’immagine verso il vecchio alleato: l’obiettivo è di recuperare gli elettori settentrionali, che non apprezzano il sostegno del Popolo della libertà alla soluzione tecnica. Una strategia che risulta funzionale pure per il voto alle amministrative, in programma nella prossima primavera. Il Cavaliere, insomma, ha preparato le contromosse, sfruttando anche la fase di “decantazione” che gli ha garantito una certa lontananza dalla scena politica. Perciò si presenta con una presisa strategia per le elezioni. Quelle Politiche.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia