Istat: performance e nuovi investimenti delle multinazionali italiane all’estero | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: performance e nuovi investimenti delle multinazionali italiane all’estero

Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa propensione all’espansione all’estero: infatti, oltre il 39% di quelli attivi nei servizi e più del 30% di quelli industriali hanno dichiarato di aver progettato o già realizzato nuovi investimenti di controllo all’estero. E’ quanto rileva l’Istat.

Produzione, distribuzione e logistica sono i comparti dei nuovi investimenti realizzati all’estero dai gruppi multinazionali industriali.

La localizzazione dei nuovi investimenti esteri è principalmente orientata all’Ue15 e agli Altri paesi asiatici, incluso Vicino e Medio Oriente.

Nel biennio 2010-2011, rispetto al 2008-2009, si riduce in misura significativa il peso dell’Unione Europea (Ue) come destinazione dei nuovi investimenti di controllo all’estero. Le nuove mete sono India, Stati Uniti e Canada, America Centro-meridionale. Risulta stazionario il peso relativo della Cina.

Nel 2009 la presenza italiana all’estero si conferma rilevante e geograficamente diffusa, con oltre 21 mila controllate in 165 paesi, che impiegano 1,5 milioni di addetti con un fatturato di 378 miliardi.

Le controllate all’estero nella manifattura (oltre 6.500 imprese) sono poco più della metà di quelle dei servizi non finanziari, ma rappresentano, in termini di addetti, il 47,2% del totale.

La fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici, le industrie tessili e dell’abbigliamento e i mezzi di trasporto sono i settori industriali con la più ampia presenza all’estero in termini di occupazione.

Le società finanziarie e il commercio assorbono oltre il 60% dell’occupazione nei servizi creata dalle multinazionali italiane in paesi diversi dall’Italia.

Nei settori tradizionali e nella meccanica strumentale la presenza italiana all’estero è concentrata in un numero limitato di paesi. Romania (94 mila addetti), Brasile (69 mila) e Cina (69 mila) si confermano i principali paesi di localizzazione delle attività industriali. I servizi si concentrano, invece, negli Stati Uniti (104 mila addetti) e in Germania (65 mila).

Le esportazioni attivate direttamente dall’estero rappresentano oltre il 30% del fatturato delle affiliate estere industriali.

La spesa in R&S realizzata all’estero è concentrata nell’Ue27, nel Nord America e nel Centro e Sud America.

L’accesso ai nuovi mercati continua a essere il principale vantaggio di operare direttamente all’estero; seguono, nell’industria, la logistica e il costo del lavoro.

Gli accordi commerciali e le joint-venture rappresentano le modalità organizzative diverse dal controllo più adottate dalle multinazionali.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia