Istat: “Giù le esportazioni, aumenta l’import nel settore energia” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Giù le esportazioni, aumenta l’import nel settore energia”

A ottobre si registrano cali congiunturali del 3,2% per l’export, più intensi per i paesi extra Ue (-5,3%), e dell’1,1% per l’import, imputabili ai mercati Ue (-2,4%) – lo rende noto l’Istat- Nel trimestre agosto-ottobre le esportazioni registrano un tasso di crescita congiunturale dello 0,7%, con un incremento maggiore sui mercati extra Ue (+1,4%). Per gli acquisti dall’estero si osserva, invece, una flessione dello 0,8%.Rallenta a ottobre il tasso di crescita tendenziale delle esportazioni (+4,5%), con forti differenze per le principali aree di sbocco: +1,6% per i mercati Ue e +8,2% per quelli extra Ue. Gli acquisti dall’estero calano dello 0,3% per effetto della riduzione dell’import dai paesi Ue (-2,3%).Calano i volumi esportati (-1,9% su ottobre 2010) e, in misura più sensibile, quelli importati (-8,6%). Nel corso dell’anno la crescita tendenziale dei volumi esportati è del 4,8%, quella dell’import dello 0,6%.Permane stabile a ottobre la crescita tendenziale dei valori medi unitari, pari al 9% per l’import e al 6,5% per l’export. Al netto dell’energia i rispettivi tassi di crescita sono pari, rispettivamente, a +4,1% e +5,3%.
Il disavanzo commerciale è pari a 1,1 miliardi di euro, in miglioramento rispetto a ottobre 2010 (-2,6 miliardi). Da gennaio a ottobre il deficit ha raggiunto i 24,2 miliardi, con un lieve peggioramento rispetto all’anno precedente (-23,6 miliardi). Nello stesso periodo, il saldo non energetico (+26,5 miliardi) è in forte aumento sul 2010 (+18,4 miliardi di euro). A ottobre i raggruppamenti principali di industrie più dinamici sono stati i prodotti energetici all’import (+17,7%), i beni di consumo non durevoli all’export (+8,6%) e all’import (+6,8%) e i prodotti intermedi all’export.
In calo l’import-export di beni di consumo durevoli e l’import di input intermedi e strumentali. La crescita dell’export a ottobre è trainata dalle vendite di prodotti in metallo verso Svizzera e Francia, di macchinari ed apparecchi verso gli Stati Uniti e di apparecchi elettronici e ottici verso Svizzera e Spagna. Il calo dell’import è in parte imputabile alla riduzione di acquisti di apparecchi elettronici e ottici dalla Cina e dalla Germania, di mezzi di trasporto dalla Cina e di gas naturale dai paesi Opec.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia