Crisi. Casini: “Surreale come la politica si comporti nei confronti di Monti” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi. Casini: “Surreale come la politica si comporti nei confronti di Monti”

Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc, sul proprio profilo Facebook ha scritto: “E’ surreale come la politica si comporti nei confronti del governo Monti. Leggendo i giornali sembra che molti, scampato il pericolo, siano pronti a riprendere le vecchie abitudini. Ma il pericolo è più che mai davanti a noi e, se non cancelliamo le vecchie abitudini, potrebbe travolgerci”.

 

2 Commenti per “Crisi. Casini: “Surreale come la politica si comporti nei confronti di Monti””

  1. Come , con che coraggio la politica vuole suggerire al governo Monti cosa deve fare, quando sono stati i responsabili della attuale situazione del in cui ci troviamo: Il governo Monti fa le cose che abìvrebbero dovuto fare loro negli ultimi anni
    C’è la crisi mondiale, edal 2008 che tutti lo sapevano e tutti sapevano anche a che cosa saremmo andati incontro a far finta di niente.
    I nostri politici debbono tacere e vergognarsi di aver portato il nostro paese in questie sutuazioni.
    Se a loro non piace le manovre del governo Monti, perchè npn si assumano pubblicamente la responsabilità di mandarlo a casa ?

  2. Domenico CESARE

    Pare che le Università non funzionano troppo bene a causa di:
    1) proliferazione di facoltà che non portano a idonei sbocchi occupazionali
    2) non pochi casi di cattedratici che si assentano per altri incarichi

    Pare che la pubblica amministrazione sia malata di:
    1) dirigenti politicizzati e non inclini all’aggiornamento, all’organizzazione ed al risparmio
    2) dipendenti più inclini a farsi tutelare dai sindacati che ad impegnarsi, dando un cattivo esempio anche agli altri
    3) mancanza di coordinamento informativo tra i vari Enti che non si interfacciano creando disservizi per il cittadino

    Pare che le privatizzazioni, anzichè pagare il debito pubblico, servano a fare buoni affari a basso costo per i furbetti o furboni di turno.

    Pare che i politici preferiscono fare atri partiti anzichè migliorare il proprio partito di appartenenza originario perchè questo ne migliora la visibilità personale o cose del genere

    Pare che la politica abbia considerato la buona amministrazione della cosa pubblica come on optional a cui dedicarsi solo in caso di necessità impellenti

    Pare che la sola programmazione continua della sinistra italiana sia stata solo quella di ridurre ad uno straccio impresentabile un legittimo capo di governo per poi dire: adesso siamo contenti di averlo ridotto male.

    Pare che in Italia non vi sia la destra e la sinistra ad amministrare il paese, ma “i capaci di tutto” ed “i buoni a nulla”

    Pare che la generazione dei sessantenni sia ancora pervasa da un corporativismo che viene sfruttato dalla politica
    anzi dai politici per continuare ad alimentare privilegi inaccettabili.

    Pare che la CGIL sia ancora un intoccabile feudo della sinistra e a dispetto dei tempi ha ancora iscritti.

    Pare che questo governo sia sorretto dal consenso dei “capaci di tutto” e dei “buoni a nulla”

    Pare che molti cittadini come me, siano abbastanza “scoglionati” il broblema è : COSA FARE ?

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump: «Sono stati quattro anni incredibili»

«Sono stati quattro anni incredibili». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in occasione del suo ultimo discorso a Washington, prima di…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, morto il ministro degli Esteri dello Zimbabwe

Il governo dello Zimbabwe ha reso noto che il ministro degli Esteri, Sibusiso Moyo ha perso la vita dopo aver contratto il coronavirus.…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Olanda annuncia primo coprifuoco dal dopoguerra

Il governo olandese, per contrastare la pandemia, ha annunciato il coprifuoco a partire da domani e sarà dalle 20.30 fino alle 4.30. Si tratta del…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «È la più grande sfida dal dopoguerra per l’Ue»

«Con la pandemia da Covid-19, l’Europa sta vivendo la sua più grande sfida dal dopoguerra. In meno di un anno, quasi mezzo milione di vite…

20 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia