Ecco Volunia, ma non chiamatelo “anti-Google” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ecco Volunia, ma non chiamatelo “anti-Google”

Non chiamatelo anti-Google. “Parte da un punto di vista differente, sarebbe una follia per qualsiasi start-up mettersi in competizione diretta”, chiosa a tale proposito Massimo Marchiori. E la sobria presentazione all’università di Padova di lunedì certifica in qualche modo la fase embrionale del progetto, per quanto sia già lanciato su scala mondiale. Il nuovo motore di ricerca made in Italy, Volunia, tenterà di rivoluzionare la navigazione degli utenti. E a ben vedere, in definitiva, ha già qualcosa in comune con Google: Marchiori, appunto. Il quale è tra gli ideatori dell’algoritmo del più utilizzato motore di ricerca. “Il Web è un posto vivo. Ci sono le informazioni, ma anche le persone. La dimensione sociale, già presente, deve solo emergere”. Ed è con queste parole che Marchiori presenta la sua nuova creatuta. Volunia, infatti, mira a coniugare le diverse funzionalità tipiche di un motore di ricerca con quelle sociali dei vari Facebook o Twitter. Accompagna cioè il navigatore durante l’intero percorso attraverso un barra degli strumenti sempre presente creando in aggiunta una mappa che segnali ogni istante della ricerca richiesta. E attivando la funzione social, inoltre, sarà possibile condividere con altri utenti i medesimi interessi. “In questo modo, quando apriamo un sito internet possiamo vedere chi c’è o chi c’è stato”, ha spiegato Marchiori.
Al momento Volunia è stato sperimentato da “soli” 150 mila utenti, mentre a partire dalla prossima settimana sarà accessibile a chiunque. Chi capisce di queste cose sostiene che il nuovo motore di ricerca non introdurrà in verità nulla di eccessivamente “innovativo” nel panorama della ricerca web. Basti pensare, del resto, ai siti di social bookmarking. Ciò che lascia perplessi – a parte la presentazione di stampo strettamente accademico (che non è affatto detto sia un male, anzi) – è il rispetto della privacy, che seguendo la reale ragione che lo contraddistingue dagli altri motori di ricerca diviene una questione spinosa.
Poi resta da capire quanto la massa sia disposta a cambiare abitudini, essendo Volunia una sorta di ibrido che tenterà di mettersi in competizione con colossi più che consolidati. Ma questo sarà solo il tempo a decretarlo.

 

1 Commento per “Ecco Volunia, ma non chiamatelo “anti-Google””

Scrivi una replica

News

Referendum per il taglio dei parlamentari, il Viminale: «Ha votato il 53,84% degli aventi diritto»

Il ministero dell’Interno il dato definitivo sull’affluenza per il referendum sul taglio per i parlamentari. Ha votato il 53,84% degli aventi diritto. In quanto confermativo…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Referendum taglio parlamentari, Di Maio: «Raggiunto un risultato storico»

«Quello raggiunto oggi è un risultato storico». Lo ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri ed ex capo politico del Movimento 5 stelle, Luigi…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, chi arriva in Italia da Parigi dovrà sottoporsi al tampone

Chi arriva in Italia da Parigi e da «altre aree della Francia con significativa circolazione del virus» deve sottoporsi al tampone. Lo ha stabilito un’ordinanza…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Unimpresa: «Dal 2010 ad oggi i prestiti alle imprese sono crollati di oltre 186 miliardi di euro»

Negli ultimi dieci anni, i prestiti delle banche italiane alle imprese sono diminuiti di oltre 186 miliardi di euro, passando dagli 856 miliardi di luglio 2010 ai 669…

21 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia